San Calepodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Calepodio

Prete e martire

Morte 232
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 10 maggio
Attributi Palma

Calepodio, Calepodius in latino (... – Roma, 232), è stato un presbitero romano.

Subì il martirio insieme ad altri sotto l'imperatore Alessandro Severo. La Chiesa cattolica lo considera santo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Calepodio deriva dal soprannome di una famiglia latina e significa "che ha bei piedi".

Quello che sappiamo della sua vita è limitato alla menzione del Martirologio Romano: “A Roma il beato Calepodio, Prete e Martire, il quale dall'Imperatore Alessandro fu fatto uccidere colla spada, ed il suo corpo fu trascinato per la città e gettato nel Tevere. Il Papa Callisto poi, avendolo ritrovato, lo seppellì. Fu pure decollato il Console Palmazio colla moglie, coi figlioli ed altri quarantadue della sua casa dell'uno e dell'altro sesso; inoltre il Senatore Simplicio colla moglie ed altri sessantotto della sua famiglia; come pure anche Felice colla sua moglie Blanda. Le loro teste poi furono appese alle diverse porte di Roma, a terrore dei Cristiani”.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa lo ricorda il 10 maggio. Il santo fu sepolto da papa Callisto I, che gli dedicò la catacomba sita al III miglio della Via Aurelia. Il suo corpo, insieme a quello di papa Cornelio e di papa Callisto I, fu rinvenuto nella basilica di Santa Maria in Trastevere da papa Gregorio IV, che li depose ai piedi dell'altare maggiore e mandò alcune reliquie a Fulda ed a Cysoing.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • San Calepodio in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.