Samya Abbary

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Samya Abbary (Béni Mellal, 12 settembre 1973) è un'attrice italiana[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata in Marocco ma con cittadinanza italiana[1], parla arabo, francese e italiano. La sua carriera inizia nel 1996 come modella per vari stilisti italiani e stranieri e poi come fotomodella per una casa di cosmetici. Ha frequentato un corso di portamento e trucco e un corso di recitazione e dizione con Jenny Tamburi.[1]

Samya diventa nota per il ruolo di Lisa interpretato nel film tv di Canale 5, Non smettere di sognare (2009), regia di Roberto Burchielli.

Nel 2005 gira la miniserie tv, in cui è protagonista con il ruolo di Fatima, Giorni da Leone 2, regia di Francesco Barilli, che dopo la messa in onda della prima puntata nel 2006, è stata ritrasmessa tutta per intero solo nel 2008.

Tra il 2005 e il 2006 è coprotagonista, nel ruolo di Samya, nella serie tv Incantesimo 8, in onda su Rai 2. Nel 2006 ha un ruolo secondario nella soap opera di Rai Uno, Sottocasa.

Nel 2009 debutta sul grande schermo con il film La cosa giusta, opera prima di Marco Campogiani. Nello stesso anno avrebbe dovuto partecipare al reality show La tribù - Missione India, la cui messa in onda, per problemi tecnico-produttivi, è stata cancellata.[2]

Nel 2010 conduce, ogni mercoledì e venerdì, la rubrica Le ricette di Samya, all'interno del programma Mattino 5, mentre nel 2011 e 2012 è la conduttrice del rotocalco di seconda serata di Canale 5 Nonsolomoda.[3]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Curriculum vitae. URL consultato il 05-01-2010.
  2. ^ Laura Rio, "La tribù" iellata: cancellato il reality rifiutato dall'India in Il Giornale, 25 settembre 2009. URL consultato il 05-01-2010.
  3. ^ Samya Abbary moda e lustrini in Corriere della Sera, 13 ottobre 2011. URL consultato il 17 ottobre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]