Salvatore Sanzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salvatore Sanzo
Salvatore Sanzo.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 73 kg
Scherma Fencing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Fioretto
Best ranking
Squadra Carabinieri Carabinieri
Palmarès
Giochi Olimpici 1 1 2
Mondiali 4 1 3
Europei 5 0 3
Universiadi 0 1 0
Giochi del Mediterraneo 1 0 0
Coppa del Mondo di scherma 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 13 agosto 2008

Salvatore Sanzo detto Toti (Pisa, 26 novembre 1975) è un ex schermidore e politico italiano, assessore al Comune di Pisa e presidente del CONI Toscana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a Pisa, giovanissimo, la sua attività di schermitore, seguendo le lezioni del Maestro Antonio Tringale. Ad undici anni ha conosciuto il Maestro Antonio Di Ciolo con il quale ha condiviso tutta la carriera. Dopo aver vinto tutto a livello giovanile è entrato a far parte delle rappresentative nazionali. Ha vinto la medaglia d'oro alle Olimpiadi di Atene 2004 nella prova di fioretto a squadre, conquistando anche l'argento nella prova individuale di fioretto. Ha vinto inoltre la medaglia di bronzo a squadre ai Giochi olimpici di Sydney 2000 e la medaglia di bronzo individuale a Pechino 2008 sempre nel fioretto. In Coppa del Mondo vanta 21 successi e la vittoria finale nel 2004. Sempre in Coppa del Mondo arriva secondo per 3 volte nel 2000, 2002 e 2005. In carriera ha vinto 4 titoli mondiali (2 individuali e 2 a squadre) e 5 continentali (2 individuali e 3 a squadre). Nel 2001 a Tunisi, vince i Giochi del Mediterraneo ed arriva secondo a squadre alle Universiadi. 14 volte campione italiano Assoluto (3 volte individuale e 11 a squadre). Riconosciuto da molti come uno degli schermitori più forti di sempre.

Sposato dal 14 settembre 2002 con la fiorettista Frida Scarpa, campionessa del mondo a squadre nel 2001, il 10 gennaio 2005 è diventato padre di Virginia ed il 10 novembre 2007 di Alessandro.

Laureato in giurisprudenza. Ha fatto parte del Centro Sportivo Carabinieri dal 3 novembre 1993 fino alla nomina di Assessore della Provincia di Pisa, il 27 giugno 2009. Amante di impiantistica sportiva, ha un sogno nel cassetto: vedere un giorno gli impianti italiani a norma, accessibili e fruibili dall'intera comunità. È stato professore a contratto presso la facoltà di Scienze motorie dal 2004 fino al 2012, quando per sua scelta per questioni di tempo ha dovuto abbandonare l'insegnamento. Maestro di scherma dal 17 dicembre 2005.

Giornalista pubblicista dal 2005, ha collaborato con il sito internet della Gazzetta dello Sport, con la redazione televisiva "TeleGranducato" ed il quotidiano QS. Attualmente scrive sul blog della Gazzetta dello Sport visibile sul sito internet www.gazzetta.it [1].

Appassionato di calcio, da febbraio 2009 è collaboratore di Sky Sport: canale 200 e 201, per cui realizza servizi, interviste e commenti da studio per il campionato di calcio di serie B e per le altre discipline sportive. Ha partecipato alle Olimpiadi di Londra come Talent per la scherma con Diana Bianchedi e giornalista per le altre discipline sportive. Attualmente conduttore della rubrica "Matti da Lega Pro" in onda tutti i lunedì su Sky Sport 24.

Insignito di numerose onorificenze: diventa Cavaliere della Repubblica nel settembre del 2000 e Commendatore della Repubblica nel settembre del 2004. Nel curriculum anche due Diplomi d'onore (massima onorificenze conseguita dal CONI) per le vittorie ai Giochi olimpici del 2004 e ai campionati del mondo del 2005. È stato membro della Commissione Atleti della Fédération Internationale d'Escrime dal 2005 al 2010, anno in cui ha annunciato il ritiro dalle pedane.

Nominato dal Partito Democratico pisano, nel dicembre del 2007, responsabile provinciale dello sport di Pisa[1][2]. Il 27 giugno 2009 è nominato Assessore alla Provincia di Pisa dal Presidente Andrea Pieroni, che gli assegna le deleghe del Turismo, Sport e Politiche Giovanili.

Nel mese di febbraio 2010, è stato nominato responsabile per lo sport di tutte le Province della Toscana (UPI Toscana) e membro nazionale del coordinamento per lo sport e le politiche giovanili. Nel corso del mandato ha raggiunto un accordo di collaborazione tra le Province, il Coni Nazionale ed il CIP, attraverso il quale entrambi gli enti si impegnano a condividere le strategie sportive. Inoltre, è tra i promotori di una proposta di legge che prevede interventi statali sul versante del miglioramento ed adeguamento delle strutture sportive esistenti in Italia, con particolare riferimento alle zone più disagiate.

Il 23 gennaio 2013 è diventato nuovo Presidente del C.O.N.I. Toscana, battendo per 39 a 18 l'uscente Paolo Ignesti.

Si è candidato alle elezioni comunali di Pisa del 26 e 27 maggio 2013, risultando il più votato con 760 preferenze (quasi il 2% del totale dei votanti). Il 10 giugno è stato nominato Assessore al Comune di Pisa con deleghe allo sport e all'impiantistica sportiva, all'ambiente e alla sicurezza urbana. Nel novembre 2013 è nominato Presidente della Commissione Nazionale Sport e Politiche Giovanili dell'ANCI (Associazione Italiana Comuni d'Italia).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Sydney 2000: bronzo a squadre (con Daniele Crosta, Gabriele Magni e Matteo Zennaro)
Atene 2004: oro a squadre (con Andrea Cassarà e Simone Vanni) e argento individuale.
Pechino 2008: bronzo individuale.
1997: bronzo a squadre.
1998: bronzo individuale.
2001: oro individuale.
2003: oro a squadre.
2005: oro individuale e argento a squadre.
2006: bronzo a squadre.
2008: oro a squadre.
1999 - Bolzano: oro individuale, oro a squadre.
2000 - Funchal: oro individuale, bronzo a squadre.
2005 - Zalaegerszeg: oro a squadre
2007 - Gand: bronzo individuale, bronzo a squadre.
2008 - Kiev: oro a squadre.
2001 - Pechino: argento a squadre.
2001 - Tunisi: oro individuale.
  • Coppa del Mondo:
1999: 5º classificato
2000: 2º classificato
2001: 3º classificato
2002: 2º classificato
2003: 4º classificato
2004: 1º classificato
2005: 2º classificato
2006: 5º classificato
2007: 8º classificato
2008: 8º classificato
  • Campionati del mondo Cadetti:
1992: argento individuale.
  • Campionati del mondo Under 20:
1995: oro individuale.
  • Coppa del Mondo Under 20:
1993: primo.
1995: primo.
  • Campionati Europei Under 20:
1994:primo.
  • Campionati assoluti italiani:
1995: oro a squadre
1996: oro a squadre
1997: argento individuale, oro a squadre
1998: oro a squadre
1999: oro individuale
2000: oro a squadre
2001: oro a squadre
2003: oro individuale, oro a squadre
2004: argento individuale, oro a squadre
2005: oro individuale, oro a squadre
2006: argento individuale, oro a squadre
2007: bronzo individuale, oro a squadre

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di bronzo al merito dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Croce di bronzo al merito dell'Esercito
«Atleta della sezione scherma del Centro Sportivo Carabinieri, dando prova di eccezionali qualità sportive ed elevato temperamento agonistico, partecipava ai campionati mondiali di scherma, conquistando la medaglia di bronzo nella specialità del fioretto e concorrendo così ad elevare, in Italia ed all'estero, il prestigio dell'Arma dei Carabinieri e dell'esercito. Chaux - de - fonds (Svizzera), 4 -13 ottobre 1998.»
— 21 luglio 2000.[3]
Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica.»
— Roma, 3 ottobre 2000.[4]
Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica.»
— Roma, 27 settembre 2004.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ USSI - Da oggi sono aperte le votazioni per scegliere l'atleta toscano dell'anno 'Pegaso per lo sport' 2009
  2. ^ Regione Toscana - Pegaso per lo sport 2009
  3. ^ Dettaglio decorato. Sanzo Sig. Salvatore. URL consultato il 22 settembre 2014.
  4. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Salvatore Sanzo. URL consultato l'8 aprile 2011.
  5. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Salvatore Sanzo. URL consultato l'8 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]