Salvatore Pagliuca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Salvatore Pagliuca
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Salvatore Pagliuca.jpg
Luogo nascita Muro Lucano (provincia di Potenza)
Data nascita 16 aprile 1895
Data morte 5 luglio 1973
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato
Partito Democrazia Cristiana
Legislatura I, II Legislatura.
Gruppo Democratico Cristiano
Collegio Potenza

Salvatore Pagliuca (Muro Lucano, 16 aprile 18955 luglio 1973) è stato un politico italiano, deputato per la Democrazia Cristiana nella I e nella II Legislatura.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Salvatore Pagliuca nasce a Muro Lucano, in provincia di Potenza, il 16 aprile 1895. Si laurea in giurisprudenza e diventa avvocato, aprendo nel 1920 il suo studio legale.[1]

Viene eletto deputato nel collegio di Potenza alle elezioni del 1948 e quelle del 1953, rimanendo in carica fino al 1958.

Nel film Accattone del 1961 di Pier Paolo Pasolini compare un criminale con lo stesso nome di Pagliuca. L'anno seguente questo fa causa al regista e e alla società Arco film chiedendo il risarcimento dei danni morali e l'eliminazione del nome dal film, ottenendo il risarcimento dei soli danni materiali. Pasolini citerà il politico nella poesia Poeta delle Ceneri.[2][3][4]

Muore il 5 luglio 1973.

Componente di organi parlamentari[modifica | modifica sorgente]

  • Componente della III Commissione (Giustizia) dall'11 giugno 1948 al 1º luglio 1949
  • Componente della V Commissione (Difesa) dal 1º luglio 1949 al 24 giugno 1953
  • Componente della V Commissione (Difesa) dal 1º luglio 1953 all'11 giugno 1958

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lo studio legale Pagliuca, Studio legale Pagliuca, 13-9-2006. URL consultato il 1-2-2010.
  2. ^ Breve descrizione dei singoli procedimenti giudiziari, Pagine corsare. URL consultato il 1-2-2010.
  3. ^ On. avv. Salvatore Pagliuca, Studio Legale Pagliuca, 2 ottobre 2006. URL consultato il 1-2-2010.
  4. ^ Procedimenti giudiziari ordinati per imputazione, Pagine corsare. URL consultato il 1-2-2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]