Salvatore Giunta (militare)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salvatore Giunta
Salvatore Giunta portrait.jpg
21 gennaio 1985 - vivente
Nato a Clinton (Iowa)
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata Esercito degli Stati Uniti
Anni di servizio 2003 - oggi
Grado Army-USA-OR-06.svg Staff sergeant
Guerre Guerra in Afghanistan
Decorazioni Medaglia d'onore
Bronze Star Medal
Purple Heart
Studi militari Scuola di fanteria di Fort Benning

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia
Il Presidente Obama decora il sergente Salvatore Giunta

Salvatore Giunta (Iowa, 21 gennaio 1985) è un militare statunitense. Giunta è un militare dell'esercito degli Stati Uniti d'America di origini italiane, primo soldato in vita ad aver ricevuto la Medaglia d'onore dalla fine della Guerra del Vietnam, decorato per le sue azioni nella guerra in Afghanistan nel 2007.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medal of Honor - nastrino per uniforme ordinaria Medal of Honor
«For conspicuous gallantry and intrepidity at the risk of his life above and beyond the call of duty: Specialist Salvatore A. Giunta distinguished himself conspicuously by gallantry and intrepidity at the risk of his life above and beyond the call of duty in action with an armed enemy in the Korengal Valley, Afghanistan, on October 25, 2007. While conducting a patrol as team leader with Company B, 2d Battalion (Airborne), 503d Infantry Regiment, Specialist Giunta and his team were navigating through harsh terrain when they were ambushed by a well-armed and well-coordinated insurgent force. While under heavy enemy fire, Specialist Giunta immediately sprinted towards cover and engaged the enemy. Seeing that his squad leader had fallen and believing that he had been injured, Specialist Giunta exposed himself to withering enemy fire and raced towards his squad leader, helped him to cover, and administered medical aid. While administering first aid, enemy fire struck Specialist Giunta’s body armor and his secondary weapon. Without regard to the ongoing fire, Specialist Giunta engaged the enemy before prepping and throwing grenades, using the explosions for cover in order to conceal his position. Attempting to reach additional wounded fellow soldiers who were separated from the squad, Specialist Giunta and his team encountered a barrage of enemy fire that forced them to the ground. The team continued forward and upon reaching the wounded soldiers, Specialist Giunta realized that another soldier was still separated from the element. Specialist Giunta then advanced forward on his own initiative. As he crested the top of a hill, he observed two insurgents carrying away an American soldier. He immediately engaged the enemy, killing one and wounding the other. Upon reaching the wounded soldier, he began to provide medical aid, as his squad caught up and provided security. Specialist Giunta’s unwavering courage, selflessness, and decisive leadership while under extreme enemy fire were integral to his platoon’s ability to defeat an enemy ambush and recover a fellow American soldier from the enemy. Specialist Salvatore A. Giunta’s extraordinary heroism and selflessness above and beyond the call of duty are in keeping with the highest traditions of military service and reflect great credit upon himself, Company B, 2d Battalion (Airborne), 503d Infantry Regiment, and the United States Army.

(Per il notevole coraggio e intrepido sprezzo del pericolo a rischio della propria vita al di là del proprio dovere: Lo Specialista Salvatore A. Giunta si è distinto per eroismo e intrepido rischio della vita al di là del proprio dovere in azione contro un nemico armato nella valle di Korengal, Afghanistan, il 25 ottobre 2007. Nel corso di una pattuglia armata in qualità di team leader nell'ambito della Compagnia B del 2° battaglione (Aviotrasportato) del 503° Reggimento di Fanteria, lo Specialista Giunta e il suo team stavano procedendo attraverso terreno impervio quando sono stati attaccati da forze degli insorti ben armate e ben coordinate. Fatto segno a pesante fuoco nemico, lo Specialista Giunta immediatamente si pose al riparo e impegnò il nemico. Vedendo che il suo caposquadra era caduto e credendolo ferito, lo Specialista Giunta si è esposto al fuoco nemico correndo verso il suo capo squadra, lo ha aiutato a prendere riparo e gli ha fornito assistenza medica. Nel corso dell'attività di primo soccorso, le sue protezioni individuali furono colpite insieme con la sua arma secondaria. Senza considerare il fuoco in corso, lo Specialista Giunta ha impegnato il nemico prima di ripararsi, lanciando granate e utilizzando le esplosioni per la copertura al fine di nascondere la sua posizione. Nel tentativo di raggiungere gli altri commilitoni feriti rimasti separati dalla squadra, lo Specialista Giunta e il suo team sono stati fatti segno a fuoco nemico che li ha costretti a terra. La squadra ha continuato a procedere e dopo aver raggiunto i soldati feriti, lo Specialista Giunta si è reso conto che un altro soldato era rimasto separato dalla formazione. Lo Specialista Giunta si è quindi inoltrato in avanti di propria iniziativa. Appostato sulla cresta in cima ad una collina, ha osservato due insorti portare via un soldato americano. Ha subito impegnato il nemico, uccidendone uno e ferendo l'altro. Dopo aver raggiunto il soldato ferito, ha iniziato a fornire assistenza medica venendo poi raggiunto dalla sua squadra che gli ha successivamente fornito supporto. Il coraggio incrollabile dello Specialista Giunta, l'altruismo e la leadership decisa sotto la minaccia di intenso fuoco nemico hanno rivestito un ruolo determinante nella capacità del suo plotone di superare un agguato nemico e recuperare un commilitone americano dal nemico. Lo straordinario eroismo e altruismo dello specialista Salvatore A. Giunta al di sopra e al di là del proprio dovere sono in linea con le più alte tradizioni militari e attribuiscono grande merito a lui, alla Compagnia B, al 2° Battaglione (Aerotrasportati), al 503° Reggimento di Fanteria e all'Esercito degli Stati Uniti d'America.»
— Act of Congress, March 3, 1863[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]