Salvatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Salvatore (disambigua).

Salvatore è un nome proprio di persona italiano maschile.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

  • Alterati: Salvadore, Salvadori, Salavadore, Salvato, Salvatorino, Salvatorico, Salvo, Salvio, Salvino, Salvuccio.
  • Ipocoristici: Barore, Baddore, Bobore, Farori, Sasà, Saso, Savio, Rino, Tato, Tatore, Totò, Totore, Toti, Totino, Toto, Totu, Torello, Tore, Ture, Turi, Turio, Torino, Turino, Toruccio, Toriddo, Torido, Turiddo, Turiddu, Turido, Turrido, Turuzzu, Turillo.
  • Femminili: Salvatrice, Salvadora, Salvatorina, Salvatorica.
  • Ipocoristici: Torella, Torina.

Varianti in altre lingue[modifica | modifica sorgente]

Origine e diffusione[modifica | modifica sorgente]

Dal nome tardo latino Salvator, che, tratto dal verbo salvare, significa letteralmente il salvatore, colui che salva. Di chiara valenza religiosa, il nome nasce dalla traduzione del greco Σωτήρ (Soter), letteralmente Salvatore, che, nei primi ambienti cristiani, traduceva lo stesso nome di Gesù Cristo: etimologicamente, infatti, il nome Gesù deriva dall'ebraico יְהוֹשֻׁעַ (Yĕhošūa’), che, secondo tradizione, viene tradotto come Dio salva o Dio è salvezza. In questo senso, dunque, i primi cristiani adottarono il nome Salvatore come traduzione del nome Gesù.

Largamente diffuso in ambito cristiano, questo nome si riscontra un po' in tutta Italia, anche se risulta maggiormente accentrato nel Sud e, in particolar modo, in Sicilia. Della stessa regione sono anche specifiche le varianti Turi, Ture, Turiddu, etc e il femminile Salvatrice. Salvatorico, Salvatorica, Tore, Barore, Bobore, Farori e Salvadori sono tipici della Sardegna, mentre Salvadore e Torello, in passato, erano maggiormente diffusi in Toscana, anche se oggi risultano praticamente scomparsi.

Secondo una stima del 2000 è il settimo nome proprio maschile più diffuso in Italia nel XX secolo.[1]

Onomastico[modifica | modifica sorgente]

L'onomastico si festeggia il 18 marzo in ricordo di San Salvatore da Horta. In Sicilia e nel Salento l'onomastico viene festeggiato per la festa del Corpus Domini. Sempre in Sicilia, in Campania, in alcune zone della Puglia (ad esempio ad Andria) ed in Calabria il nome Salvatore viene riferito a Gesù Salvatore che viene festeggiato il 6 agosto in occasione della Trasfigurazione di Gesù.

Santi e Beati[modifica | modifica sorgente]

Persone[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Persone di nome Salvatore.

Variante Salvador[modifica | modifica sorgente]

Kpdf bookish.svg Voci presenti nell'enciclopedia su persone di nome "Salvador..."

Variante Salvo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Salvo (nome).

Il nome nelle arti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ LIOn, Laboratorio Internazionale di Onomastica - Classifiche onomastiche: Nomi maschili in Italia nel XX secolo

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi