Salto del Bufalo schiantato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salto del Bufalo schiantato
Estipah-skikikini-kots
I dirupi del Salto del Bufalo schiantato.
I dirupi del Salto del Bufalo schiantato.
Localizzazione
Stato Canada Canada
Divisione censuaria Divisione No. 3
Scavi
Data scoperta 1880
Date scavi 1938
Organizzazione American Museum of Natural History
Amministrazione
Ente Alberta Community Development

Coordinate: 49°44′58″N 113°37′29″W / 49.749444°N 113.624722°W49.749444; -113.624722

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Salto del bufalo schiantato
(EN) Head-Smashed-In Buffalo Jump
Tipo Culturali
Criterio (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1979
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Salto del bufalo schiantato (in inglese: Head-Smashed-In Buffalo Jump) è una formazione rocciosa che si trova dove le colline delle Montagne Rocciose cominciano ad innalzarsi dalla prateria, 18 chilometri a nordovest di Fort Macleod, nello stato canadese dell'Alberta. Il sito è stato incluso nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO ed è un museo della cultura degli Indiani d'America.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il salto del bufalo è stato usato per 5.500 anni dalle popolazioni autoctone delle pianure per uccidere i bisonti, facendoli cadere dalla rupe alta 10 metri. La tribù dei Piedi Neri guidava i bisonti da un pascolo delle Porcupine Hills, a circa 3 chilometri di distanza, allineandoli per mezzo di vere e proprie corsie costituite da mucchi di pietre; da qui poi li spingeva al galoppo fino al dirupo, lungo circa 300 metri e alto 10 metri rispetto alla valle sottostante.

Il sito era già usato 6.000 anni fa; i depositi di ossa hanno una profondità di 10 metri. Dopo essere caduti dal dirupo, le carcasse dei bufali venivano processate in un vicino accampamento.

Il nome originale del sito, nella lingua dei Piedi Neri, è Estipah-skikikini-kots. Secondo la leggenda, un giovane della tribù voleva guardare la caduta di un bufalo dal di sotto del dirupo, ma venne schiacciato dall'animale. Più tardi venne trovato morto sotto le carcasse dei bufali, con la "testa schiantata", da cui il nome del sito.

Il salto del Bufalo schiantato venne abbandonato nel XIX secolo dopo il contatto con gli europei. Questi ultimi registrarono il sito per la prima volta nel 1880, mentre i primi scavi archeologici risalgono al 1938, compiuti dall'American Museum of Natural History. Nominato sito storico nazionale nel 1968, nel 1981 è stato inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Il museo[modifica | modifica sorgente]

Nel sito del Salto del bufalo schiantato è stato costruito un museo costituito da 5 livelli diversi che illustrano l'ecologia, la mitologia, lo stile di vita e la tecnologia delle popolazioni dei Piedi Neri, presentati dal punto di vista sia dei nativi americani che della scienza archeologica europea.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La punk rock band canadese degli SNFU ha inserito nell'album del 2004 In The Meantime and In Between Time una canzone intitolata "Head-Smashed-In Buffalo Jump".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]