Salotto Maffei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lapide sul palazzo che ospitava il Salotto Maffei.

Il salotto Maffei sorse nel 1834 a Milano in via Tre Monasteri, ad opera di alcuni intellettuali, primi fra tutti Tommaso Grossi e Massimo d'Azeglio, che frequentavano la casa di Clara e Andrea Maffei.[1] In esso, grazie all'ospitalità della padrona di casa, i più noti artisti, letterati, compositori e patrioti del Risorgimento vi trascorrevano memorabili serate a discutere di arte e di letteratura.

Fra gli artisti che frequentarono il salotto vi furono il pittore Francesco Hayez, che ritrasse Clara in un dipinto donato al marito Andrea Maffei, Honorè de Balzac, Alessandro Manzoni, Franz Liszt, Giuseppe Verdi e Giovanni Prati, per citare solo i più celebri.

In quanto ritrovo di patrioti e personalità attive in primo piano nel Risorgimento italiano, il salotto ebbe anche una considerevole importanza politica. La sua voce costante contribuì all'unificazione nazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Barbiera, Il salotto della contessa Maffei, Milano 1925, pp. 12-14. Negli anni il salotto cambiò più volte sede, seguendo gli spostamenti di Clara. Dal 1842 fu per quattro anni in piazza Belgioioso (al secondo piano del palazzo Belgioioso), poi, con il divorzio del 1846, si trasferì in corsia dei Giardini (oggi via Manzoni) al primo piano del numero 46, e dal 1850 fino al 1884 fu in via Bigli, nel palazzo Olivazzi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaello Barbiera, Il salotto della contessa Maffei, Sesto San Giovanni, Casa ed. Madella 1914