Salomé Alessandra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Salomé Alessandra
Salomé Alessandra
Salomé Alessandra, ritratto dal Promptuarii Iconum Insigniorum
Re di Giudea
In carica 76-67 a.C.
Predecessore Alessandro Ianneo
Successore Ircano II e Aristobulo II
Morte 67 a.C.
Dinastia Asmonei

Salomé Alessandra, o anche Alexandra Salome (ebraico: שלומציון, Shelomtzion o ShlomTzion; 139 a.C.67 a.C.), fu una regina ebraica, la seconda dopo Atalia (841-835 a.C.). Moglie di Aristobulo I e del di lui fratello Alessandro Ianneo,[1] appartenente alla dinastia degli Asmonei, fu l'ultimo sovrano a morire alla testa di un regno ebraico indipendente in Israele, fino alla formazione del moderno Stato di Israele.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Alla morte di Aristobulo (103 a.C.), sua moglie Alessandra ne liberò il fratello Alessandro Ianneo, che era tenuto in prigione. Durante il regno di Alessandro, Alessandra dovrebbe aver esercitato una tenue influenza sul re, considerando, per esempio, la politica reale contro la fazione dei Farisei.

Alessandra ricevette le redini del governo da Alessandro stesso nel 76 a.C., quando il marito morì, nel campo di Ianneo di fronte all'assediata Ragaba: la morte del re venne nascosta fino alla presa della città, per permettere che l'assedio andasse avanti con lo stesso vigore.

Per un certo periodo Alessandra riuscì a tacitare il dissenso interno del regno, che esisteva al tempo della morte di Alessandro, riuscendo in ciò in maniera pacifica e senza detrimento per le relazioni politiche dello stato ebraico nel l'esterno. Concesse inoltre ai Farisei il sostegno della monarchia asmonea, permettendo loro di divenire la classe governante di Giudea dopo un periodo di miseria sotto Alessandro. Venne ripristinato il Sinedrio e il figlio di Alessandra, Giovanni Ircano II divenne il nuovo Sommo sacerdote.

Alessandra si curò di rinvigorire l'esercito e di consolidare le fortezze sulle frontiere, in modo da impressionare gli stati confinanti. Ordinò al figlio Aristobulo II di assediare Damasco, sebbene l'azione si concludesse senza successo.

Verso la fine del suo regno dovette soffrire l'opposizione interna: persino Aristobulo II si sollevò contro la madre, aspirando al trono: Alessandra, però, morì prima di doverlo affrontare, dopo nove anni di regno.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La coincidenza tra le due Alessandra moglie di Aristobulo e sposa di Alessandro non è esplicitamente testimoniata in Flavio Giuseppe: si ritiene che lo storico ebreo abbia dato per scontato che Alessandro abbia contratto un matrimonio levitico con la moglie senza figli del fratello.
  2. ^ Flavio Giuseppe, Guerra giudaica, I, 5.4.119.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Re di Giudea
Sommo sacerdote di Israele
Successore
Alessandro Ianneo 7667 a.C. Ircano II

Controllo di autorità VIAF: 83164120

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie