Salix caprea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Salicone
Salix caprea 007.jpg
Salix caprea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Malpighiales
Famiglia Salicaceae
Genere Salix
Specie S. caprea
Nomenclatura binomiale
Salix caprea
Linnaeus
Nomi comuni

salice delle capre[1], salcio di montagna (I)

Il salicone o (Salix caprea) è una pianta della famiglia delle Salicaceae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Arbusto o alberetto alto fino a 13 metri. Utilizzato anche come pianta foraggera nelle zone povere di pascoli, ha rami distribuiti uniformemente e foglie ovoidali con margini poco seghettati, di colore verde chiaro superiormente e bianco-grigiastro per la fine peluria inferiormente. Prima della ripresa vegetativa compaiono i fiori, riuniti in amenti eretti; quelli maschili di grandi dimensioni, sono forniti di moltissimi peli grigio-argentei, chiamati gattini; quelli femminili sono meno appariscenti di colore verdastro, disposte lateralmente ai vecchi rami, il frutto è una piccola capsula conico-allungata sessile, e liscia.

Ecologia e distribuzione[modifica | modifica sorgente]

È specie pioniera che colonizza i margini dei boschi. Vive soprattutto nella fascia collinare e montana, ma si trova anche in pianura.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Salix caprea L.. URL consultato l'08-05-2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica