Salina (geologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aspetto di una salina (Salar de Uyuni, Bolivia)

Una salina è una formazione geologica che si trova nelle zone desertiche. È una distesa piatta coperta di sale ed altri minerali che normalmente appaiono bianche sotto il sole.

Una salina è un luogo dove defluiscono le acque piovane e sarebbe un lago o uno stagno se non ci si trovasse in una zona dove l'evaporazione è maggiore delle precipitazioni come ad esempio un deserto. Se il terreno non è in grado di drenare l'acqua, questa rimane in superficie finché non evapora. Evaporando lascia sul terreno i sali in essa disciolti. Nell'arco di migliaia di anni il sale si accumula in spessi strati generalmente bianchi. Visti dall'aereo sembrano laghi ghiacciati.

Le saline possono essere pericolose perché la coltre di sale può nascondere paludi di fango in grado di sommergere un autocarro. Nella depressione di Qattara nella parte orientale del deserto del Sahara vi sono molte trappole del genere che durante la seconda guerra mondiale furono utilizzate come barriere strategiche.

La più grande salina del mondo è il Salar de Uyuni in Bolivia e la più grande d'Europa (e seconda nel mondo) è la salina di Margherita di Savoia, in Puglia. Negli USA le saline più conosciute sono le Black Rock Desert in Nevada e Bonneville Salt Flats nello Utah, luogo famoso per i molti record di velocità stabiliti sul Bonneville Speedway.