Salih ibn Tarif

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Salih ibn Tarif (in arabo: صالح بن طريف; ... – ...) è stato un sovrano e profeta berbero.

Secondo re del regno berbero Berghouata, si autoproclamò profeta di una nuova religione.

Secondo le fonti di Ibn Khaldun, ha affermato di aver ricevuto una nuova rivelazione da Dio, con 80 capitoli. Ha stabilito le leggi per il suo popolo, ed è stato chiamato da loro "Salih al-Mu'minin" (Restauratore dei Credenti). Questa rivelazione è sostenuto che sia stata scritta in lingua berbera, ed è chiamata Corano in berbero (Lqeran).

All'età di 47 anni andò al regno dell'est, e promise al suo popolo di ritornare. Durante la sua assenza i suoi familiari diffusero la religione rivelata da dio.

La religione rivelata a Salih ibn Tarif cambia alcune regole dell'Islam come ad esempio: il digiuno è posto nel mese di Rajab (7 ° mese del calendario lunare), invece di Ramadan (9º mese), dieci preghiere obbligatorie al giorno invece di cinque, differenze su come eseguire le abluazioni e divieto di matrimonio tra cugini.

La religione promossa da Salih fu vietata nell'XI secolo dagli Almoravidi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ulrich Haarmann, Geschichte der Welt Arabischen . CH Beck München, 2001.
  • John Iskander, Pio eretici: Il Barghawata in Maghribi La storiografia, in La Gazzetta del Nord Africa Studi Volume 12, 2007, pagine 37-53.
  • Stephan und Ronart Nandy, Welt Lexikon der Arabischen . Artemis Verlag, 1972.
  • Mohammed Talbi, Heresie, acculturazione et des Nationalisme Berbères Bargawata, in Premier Congrès des Cultures Méditerranéennes D'influenza arabo-Berbère , Alger 1,973.217-233.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]