Salice Salentino (vino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il Salice Salentino bianco, vedi Salice_Salentino_Bianco.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il Salice Salentino rosato, vedi Salice_Salentino_Rosato.
Salice Salentino
Dettagli
Stato Italia Italia
Resa (uva/ettaro) 120 q
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
11,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
12,0%
Estratto secco
netto minimo
22,0‰
Riconoscimento
Tipo DOC
Istituito con
decreto del
08/04/1976
modificato nel 1994 
Gazzetta Ufficiale del 25/08/1976,
n 224
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]

Il Salice Salentino è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Brindisi e Lecce. Il comune con maggiore estensione di vitigno negramaro è Guagnano. La vendemmia inizia i primi di settembre.

Disciplinare[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione di origine controllata “Salice Salentino” è riservata ai seguenti vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione:

Salice Salentino bianco (anche spumante)

Salice Salentino rosato (anche spumante)

Salice Salentino rosso (anche con menzione riserva)

Salice Salentino Negroamaro (anche con menzione riserva)

Salice Salentino Negroamaro rosato (anche spumante)

Salice Salentino Pinot bianco (anche spumante)

Salice Salentino Fiano (anche spumante)

Salice Salentino Chardonnay (anche spumante)

Salice Salentino Aleatico (anche riserva, dolce, liquoroso dolce, liquoroso riserva)

La denominazione di origine controllata "Salice Salentino" rosso e rosato senza alcuna specificazione di vitigno è riservata ai vini ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Negroamaro per almeno il 75%. Possono concorrere alla produzione di detti vini, da sole o congiuntamente, anche le uve di altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione in Puglia per la zona di produzione omogenea “Salento- Arco Ionico” iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino, approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell’allegato 1 del presente disciplinare, presenti in ambito aziendale, nella misura massima del 25% della superficie iscritta allo schedario viticolo. La denominazione di origine controllata “Salice Salentino” Aleatico è riservata ai vini ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Aleatico per almeno l'85%. Possono concorrere alla produzione di detto vino, da sole o congiuntamente, le uve provenienti dai vitigni Negroamaro, Malvasia nera e Primitivo, presenti in ambito aziendale, fino a un massimo complessivo del 15%. La denominazione di origine controllata "Salice Salentino" bianco senza alcuna specificazione di vitigno è riservata ai vini ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti dai vigneti composti in ambito aziendale dal vitigno Chardonnay per almeno il 70%. I vini a denominazione di origine controllata "Salice Salentino" bianco con una delle seguenti specificazioni: Chardonnay, Fiano, Pinot Bianco devono essere ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti dai vigneti composti dai corrispondenti vitigni per almeno il 85%. Possono concorrere alla produzione di detti vini, da sole o congiuntamente, anche le uve di altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione in Puglia per la zona di produzione omogenea “Salento-Arco Ionico” con esclusione del Moscato bianco e Moscatello selvatico b, presenti in ambito aziendale, fino ad un massimo del 15% della superficie iscritta allo schedario viticolo.

I vini a denominazione di origine controllata "Salice Salentino" rosso e rosato con la seguente specificazione: Negroamaro o Negro amaro devono essere ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Negroamaro per almeno il 90%. Possono concorrere alla produzione di detti vini, da sole o congiuntamente, anche le uve di altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione in Puglia per la zona di produzione omogenea “Salento- Arco Ionico” presenti in ambito aziendale, nella misura massima del 10% della superficie iscritta allo schedario viticolo.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

Salice Salentino Rosso

  • colore: rosso rubino più o meno intenso.
  • odore: vinoso, etereo caratteristico, gradevole e intenso.
  • sapore: pieno, asciutto, robusto ma vellutato, caldo, armonico.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La sede dello stabilimento Leone de Castris sito in Salice Salentino

L'origine della denominazione DOC del Salice Salentino è da attribuirsi al Senatore Arcangelo de Castris, e grazie alla sua azienda vitivinicola "Leone De Castris" è riuscito ad affermare la bontà di questo particolare vino in Italia e nel Mondo.

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Consigliato su arrosti, formaggi forti e cacciagione

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

Prodotto dallo stabilimento Vinicolo Leone De Castris e da altre importanti Cantine del territorio Salentino

alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici