Salice Salentino (vino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il Salice Salentino bianco, vedi Salice_Salentino_Bianco.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il Salice Salentino rosato, vedi Salice_Salentino_Rosato.
Salice Salentino
Dettagli
Stato Italia Italia
Resa (uva/ettaro) 120 q
Resa massima dell'uva 70,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
11,5%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
12,0%
Estratto secco
netto minimo
22,0‰
Riconoscimento
Tipo DOC
Istituito con
decreto del
08/04/1976
modificato nel 1994 
Gazzetta Ufficiale del 25/08/1976,
n 224
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]

Il Salice Salentino è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Brindisi e Lecce. Il comune con maggiore estensione di vitigno negramaro è Guagnano. La vendemmia inizia i primi di settembre.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: rosso rubino più o meno intenso.
  • odore: vinoso, etereo caratteristico, gradevole e intenso.
  • sapore: pieno, asciutto, robusto ma vellutato, caldo, armonico.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La sede dello stabilimento Leone de Castris sito in Salice Salentino

L'origine della denominazione DOC del Salice Salentino è da attribuirsi al Senatore Arcangelo de Castris, e grazie alla sua azienda vitivinicola "Leone De Castris" è riuscito ad affermare la bontà di questo particolare vino in Italia e nel Mondo. La composizione è 90% di uva Negroamaro e 10% Malvasia Nera.

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Consigliato su arrosti, formaggi forti e cacciagione

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

Prodotto dallo stabilimento Vinicolo Leone De Castris e da altre importanti Cantine del territorio Salentino

alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici