Salamiyya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salamiyya
città
in arabo: سلمية
Panorama della città.
Panorama della città.
Localizzazione
Stato Siria Siria
Governatorato Hama
Distretto Salamiyya
Territorio
Coordinate 35°00′42.48″N 37°03′09″E / 35.0118°N 37.0525°E35.0118; 37.0525 (Salamiyya)Coordinate: 35°00′42.48″N 37°03′09″E / 35.0118°N 37.0525°E35.0118; 37.0525 (Salamiyya)
Altitudine 475 m s.l.m.
Abitanti 66,724 (2004)
Altre informazioni
Prefisso 33
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Siria
Salamiyya
Moschea di Salamiyya

Salamiyya (in arabo: سلمية) è una città e un distretto della Siria occidentale, facente parte del Governatorato di Hama.
È situata 33 km a sudest di Hama e a 45 km a nordest di Homs. La città è chiamata "madre del Cairo" perché fu il luogo natale del secondo Imam fatimide Muḥammad al-Qāʾim bi-amri Allāh, che stabilì la sua residenza in quella parte di Fustat che dal 969 divenne Il Cairo e che era stata il primo quartier generale di suo padre Ubayd Allah al-Mahdi, che istituì l'Imamato fatimide.
La città è un importante centro dell'attività dei Nizariti ismailiti e il luogo di nascita del poeta Muhammad al-Maghut. La popolazione - in base al censimento del 2004 - era di 66.724 persone.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salamyah city population

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Asia Portale Asia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Asia