Salame di cioccolato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salame turco
Salame di cioccolato commerciali in Portogallo
Salame di cioccolato commerciali in Portogallo
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Sicilia
Zona di produzione Portogallo e Sicilia, diffuso in tutta Italia
Dettagli
Categoria dolce
Riconoscimento P.A.T.
Settore paste fresche e prodotti della panetteria, biscotteria, pasticceria e confetteria
 

Il salame di cioccolato, anche chiamato salame turco, salame vichingo o salame inglese, è un dolce a base di cioccolato e biscotti che rassomiglia ad un salame. L'appellativo "turco" non si riferisce all'origine del dolce, bensì al colore che ricorda quello della pelle dei Mori. Il nome "salame vichingo" risale invece agli anni settanta, quando la ricetta venne pubblicata con quel titolo, insieme a molte altre, nel ricettario per bambini noto come Manuale di Nonna Papera[1].

È una produzione tipica portoghese , con la denominazione di salame de chocolate ma è stata ufficialmente inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf).[2]

Tradizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Il dolce è diffuso in tutta Italia e adatto a qualsiasi festività. In Emilia-Romagna questo dolce veniva confezionato tradizionalmente nel periodo pasquale[3]. È molto diffuso anche a Napoli e nel territorio mantovano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manuale di Nonna Papera, I ed. 1975, Arnoldo Mondadori Editore
  2. ^ Vedi elenco prodotti agroalimentari tradizionali sul sito del Mipaaf
  3. ^ Aneddoti sul salame di cioccolato

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 6/02/1999 - Parte I n.6
  • Luciano Budigna, a cura di Antonino Uccello: "Del mangiare siracusano".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]