Salamandra salamandra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Salamandra pezzata)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Salamandra pezzata
Salamandra salamandra MHNT 1.jpg
Salamandra salamandra
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Amphibia
Sottoclasse Lissamphibia
Ordine Urodela
Famiglia Salamandridae
Sottofamiglia Salamandrinae
Genere Salamandra
Specie S. salamandra
Nomenclatura binomiale
Salamandra salamandra
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Salamandra maculosa

La salamandra pezzata (Salamandra salamandra Linnaeus, 1758) è un anfibio urodelo appartenente alla famiglia Salamandridae.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Salamandra salamandra

La salamandra pezzata è facilmente riconoscibile per la sua colorazione nera con vistose macchie gialle.

Raggiunge i 15–20 cm di lunghezza totale (coda compresa), e le femmine sono in generale più lunghe e grosse dei maschi.
La pelle, liscia e lucente, è cosparsa di piccole ghiandole secernenti il muco che ricopre l'animale; il muco ha una funzione battericida (protegge la pelle dalle infezioni), riduce la disidratazione e ha un gusto repellente per gli eventuali predatori. Le tinte vivaci della pelle segnalano appunto che la salamandra non è commestibile: queste colorazioni appariscenti sono dette "colorazioni di avvertimento".


Distribuzione ed habitat[modifica | modifica sorgente]

Areale della specie

Ha un'ampia distribuzione in Europa, comprendente varie aree della penisola iberica, l'Europa centrale, la penisola italiana, i Carpazi ed i Balcani. Nel Maghreb, in Corsica ed in Asia Minore vivono tre specie strettamente affini, Salamandra algira, Salamandra corsica e Salamandra infraimmaculata, che sino a poco tempo fa erano considerate semplici sottospecie.

La salamandra frequenta ambienti boscati freschi e umidi (in particolare quelli di latifoglie) attraversati da piccoli corsi d'acqua, spesso fondamentali per la riproduzione. Anche la struttura e le caratteristiche dei corsi d'acqua nei quali avviene la deposizione delle larve giocano infatti un ruolo molto importante nel determinare la distribuzione della specie. Corsi d'acqua poco profondi, dall'andamento naturale, con ricchezza di rifugi e substrato ben diversificato hanno maggiori probabilità di ospitare questo urodelo. Anche la qualità dell'acqua è importante. La salamandra depone infatti solitamente in torrenti poco o per nulla inquinati con ampia disponibilità di macroinvertebrati (crostacei, larve di insetto ecc.) di cui le larve si nutrono. In alcuni casi la salamandra utilizza per la deposizione anche lavatoi, vasche e piccoli stagni alimentati da sorgenti che garantiscono un livello di ossigenazione adeguato.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Gli adulti conducono una vita molto discreta, e sono normalmente attivi solo durante le ore notturne, o durante tempo piovoso e umido. Abitano diversi tipi di foreste, soprattutto boschi decidui misti, faggeti e castagneti, soprattutto in prossimità di corsi d'acqua.

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di un anfibio prevalentemente notturno; appare durante il giorno solo in occasione di forti piogge. Nell'Europa meridionale, la salamandra pezzata è attiva soprattutto durante i mesi autunnali e primaverili, e non si ritira in letargo invernale. In Europa centrale, invece, queste salamandre sono attive in primavera ed estate, e vanno in letargo durante i mesi autunnali e invernali.

Di abitudini sedentarie, questi animali (soprattutto le femmine) rimangono assai fedeli ai loro rifugi; qui trovano riparo in gran numero, specie in inverno durante il periodo di latenza. Contrariamente alle credenze popolari la Salamandra è assolutamente innocua per l'uomo; l'unica precauzione da prendere è quella di non toccarsi gli occhi dopo averla presa in mano, in quanto il muco potrebbe causare irritazioni.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La dieta di questo anfibio è costituita da invertebrati, in particolare da lombrichi, molluschi, insetti e miriapodi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Girino di salamandra

Durante il periodo degli amori il maschio si esibisce in un complesso rituale di corteggiamento, alla fine del quale lascia sul terreno una spermatofora, contenente gli spermatozoi, che viene raccolta dalla femmina tramite le labbra cloacali oppure, sempre il maschio, afferra la femmina dal sotto e deposita la spermatofora; si sposta poi di lato in modo che la femmina ci cada sopra.
Nella primavera successiva le femmine depongono larve in ruscelli, torrenti o altri corsi d'acqua ben ossigenati. Le larve possiedono branchie e quattro arti ben sviluppati. Le larve si differenziano da altre larve di urodeli per la presenza di macchie chiare alla base degli arti. In alcune popolazioni montane di salamandra pezzata, le femmine sono ovovivipare e danno alla luce piccoli completamente sviluppati e pronti per la vita terrestre.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La specie Salamandra salamandra presenta numerose sottospecie riconosciute, di cui 14 presenti in Europa. Alcune sono state in seguito ridescritte come specie separate.
In Italia è rappresentata da Salamandra salamandra salamandra propria delle regioni alpine e da Salamandra salamandra gigliolii, endemismo italico distribuito nelle Alpi Marittime e in tutto l'Appennino, sino alla Calabria.

Salamandra salamandra gigliolii
  • Salamandra salamandra almanzoris, della Sierra de Gredos,
  • Salamandra salamandra alfredschmidti, delle Asturie
  • Salamandra salamandra bejarae, della Spagna
  • Salamandra salamandra bernardezi, delle Asturie
  • Salamandra salamandra beschkovi, della Bulgaria (sottospecie discussa);
  • Salamandra salamandra crespoi, del Portogallo
  • Salamandra salamandra fastuosa, dei monti Cantabrici e Pirenei
  • Salamandra salamandra gallaica, del Portogallo
  • Salamandra salamandra gigliolii, dell'Appennino
  • Salamandra salamandra infraimmaculata, del Vicino Oriente, oggi più spesso considerata una specie a sé.
  • Salamandra salamandra longirostris, dell'Andalusia
  • Salamandra salamandra morenica, della Sierra Morena
  • Salamandra salamandra salamandra, dei Balcani, dell'Europa centro-orientale e delle Alpi e Prealpi italiane
  • Salamandra salamandra semenovi, del Kurdistan, oggi considerata sottospecie della Salamandra infraimmaculata
  • Salamandra salamandra terrestris, di Francia e Germania
  • Salamandra salamandra werneri, della Grecia (sottospecie discussa).

La salamandra nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Salamandra (zoologia)#Leggende, miti e simboli.

La salamandra pezzata è stata oggetto durante secoli di miti e credenze popolari, tra le quali figura quella secondo cui sarebbe in grado di sopravvivere nel fuoco. Questa credenza è totalmente falsa, e la pelle umida della salamandra la rende estremamente vulnerabile non solo a fonti di calore, ma anche al disseccamento lontano dall'acqua o da luoghi umidi. È parzialmente vera la credenza secondo la quale la salamandra sarebbe velenosa: le sue ghiandole cutanee possono infatti secernere una sostanza irritante per le mucose (bocca, occhi, ecc.); questa sostanza rappresenta una difesa contro i predatori, che vengono avvertiti del pericolo grazie alla colorazione aposematica della specie. Naturalmente per l'uomo non è pericolosa se non si mette in bocca o se non ci si tocca gli occhi dopo averla maneggiata (cosa sconsigliabile date le malattie e parassitosi che potremmo trasmetterle per contatto).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kuzmin S. et al. 2008, Salamandra salamandra in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ D.R. Frost et al., Salamandra salamandra in Amphibian Species of the World: an Online Reference. Version 5.2, New York, American Museum of Natural History, 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • R. Manenti, I siti riproduttivi di Anfibi nelle aree prealpine in Bollettino della Società Ticinese di Scienze naturali, 2008, 96:79-85.
  • R. Manenti, G. F. Ficetola e F. De Bernardi, Water, stream morphology and landscape: complex habitat determinants for the fire salamander Salamandra salamandra in Amphibia-Reptilia 30:7-15, 2009
  • Museo civico di Storia Naturale di Ferrara, Atlante on-line degli Anfibi e Rettili dell'Emilia-Romagna sul web

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anfibi Portale Anfibi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anfibi