Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

I Cavalieri dello zodiaco: La leggenda del Grande Tempio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Saint Seiya: Legend of Sanctuary)
I Cavalieri dello Zodiaco - La leggenda del Grande Tempio
聖闘士星矢 - グレート寺の伝説.png
Lady Isabel e Pegasus nel film
Titolo originale 聖闘士星矢 Legend of Sanctuary
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2014
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Keiichi Sato
Soggetto Masami Kurumada (manga)
Sceneggiatura Chihiro Suzuki, Tomohiro Suzuki
Produttore esecutivo Masami Kurumada
Casa di produzione Toei Animation
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Storyboard Kimitoshi Chioka, Iwao Teraoka, Hiroshi Kobayashi
Musiche Yoshihiro Ike, Seiji Yokoyama
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

I Cavalieri dello Zodiaco - La leggenda del Grande Tempio (聖闘士星矢 Legend of Sanctuary Saint Seiya: Legend of Sanctuary?) è un lungometraggio di animazione in alta definizione e CGI prodotto dalla Toei Animation e legato al franchising di anime e manga I Cavalieri dello zodiaco e distribuito in Italia dalla Lucky Red. Il film ri-narra la battaglia alle Dodici Case dello Zodiaco dei Sacri Guerrieri di Bronzo contro quelli d'Oro, con modifiche alla trama e al design dei personaggi. È il sesto film basato su questa serie di avventure. Legend of Sanctuary è stato distribuito nelle sale di proiezione giapponese il 21 giugno del 2014, ma è stato mostrato in anteprima l'11 dello stesso mese, alla Annecy International Animation Film Festival. I doppiatori principali del film sono stati Kaito Ishikawa, Ayaka Sasaki, Kenshō Ono, Kenji Akabane, Nobuhiko Okamoto e Kenji Nojima

L'uscita del film nei cinema è avvenuta il 21 giugno 2014. In Italia l'anteprima è fissata al Lucca Comics and Games per il 1º Novembre 2014[1], mentre l'uscita ufficiale del film nei cinema sarà l'8 gennaio 2015.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« D’ora in poi userò questo potere per proteggere tutti voi. »
(Lady Isabel)

Il Cavaliere d'oro della costellazione del Sagittario, Micene di Sagitter, lotta contro altri due Cavalieri d'oro: Capricorn della costellazione del Capricorno e Gemini dei Gemelli. Tra le braccia protegge una bambina dai capelli viola. I due Cavalieri d'oro sono stati entrambi mandati dal Grande Sacerdote Arles a Micene con l'accusa di alto tradimento. Capricorn riesce a colpire Micene con una mossa terrificante che ha avuto un prezzo enorme: il sacrificio di Gemini. Nel frattempo, un uomo di mezza età, Alman di Thule, si trova in Himalaya per esplorare una caverna di ghiaccio. Ritrovandosi da solo, trova una grossa stele e la piccola neonata in fasce, insieme al suo protettore in fin di vita. Micene, grazie ai suoi poteri di cavaliere, mostra ad Alman quello che è successo tra lui e il Grande Sacerdote: Micene gli dice che la bambina è la nuova incarnazione di Atena, ma il Grande Sacerdote non gli crede e lo considera un traditore, incolpandolo addirittura di attentare alla vita della vera Atena, che risiede nella più alta vetta del Grande Tempio. Finita la visione, Micene confida ad Alman che la bambina è realmente la reincarnazione di Atena e per questa va protetta. Tra sedici anni, cinque valorosi guerrieri, chiamati Cavalieri, saranno al suo fianco per proteggerla. Detto questo, Micene muore, lasciando all'anziano l'armatura d'oro del Sagittario.

Passano 16 anni e la bambina in fasce prende il nome di Isabel di Thule che è turbata da una vita per i suoi misteriosi poteri. Mentre si ritrova in auto col suo maggiordomo Tatsumi, quest'ultimo gli rivela che il suo potere viene chiamato Cosmo, e che lei non è altri se non la reincarnazione della dea Atena. Alman, morto da tempo, ha ordinato al maggiordomo di rivelare tutta la verità alla figlia soltanto al giorno del suo sedicesimo compleanno. Le rivela inoltre dell'esistenza dei Cavalieri, seguaci di Atena che non portano alcuna arma e combattono soltanto con pugni e forza spirituale. Tuttavia, i due vengono attaccati da due misteriosi Cavalieri, mandati per uccidere la “traditrice” (Isabel, infatti, viene considerata un'usurpatrice del posto di quella che credono la vera Atena ed una possibile minaccia per il Grande Tempio). A salvare Isabel e Tatsumi arriva il giovane carismatico Pegasus, un Cavaliere di bronzo, insieme ai suoi vecchi compagni Sirio il Dragone, Cristal il Cigno e Andromeda. I quattro difendono la ragazza e le rivelano che sono stati addestrati fin da piccoli da Alman di Thule al solo scopo di proteggerla. Isabel viene scossa da questa rivelazione, arrivando al punto da non voler più uscire dalla sua camera. Nonostante ciò è costretta ad affrontare la situazione quando Ioria, fratello di Micene e Cavaliere d'oro della costellazione del Leone, attacca la sua residenza reclamando la sua vita e l'armatura del Sagittario. I Cavalieri di bronzo non possono niente contro la potenza infinita del Cavaliere d'oro e per questo vengono sconfitti ancora prima di indossare le armature; Ioria riesce perfino a strappare una parte dei capelli di Isabel, ma si ferma quando nota la forza enorme del suo Cosmo. Tatsumi, per impedire che venga fatto del male a Isabel, decide di dare al Cavaliere d'oro l'armatura del Sagittario, facendolo ritirare. Prima della sua scomparsa, Ioria invita Isabel a venire al Grande Tempio, così da dimostrare la sua vera identità. I ragazzi si rilassano per la scomparsa di Ioria, ma il Cavaliere d'argento Betelgeuse colpisce Isabel con una freccia, causando danni apparentemente lievi. Betelgeuse scappa, ma viene inseguito e ucciso da Phoenix, il fratello di Andromeda, che preferisce il lavoro solitario a quello di gruppo. Decisi a dimostrare la veridicità di Isabel, il gruppo apre un portale che li conduce al Grande Tempio, luogo esotico dove risiedono i Cavalieri delle dodici costellazioni, insieme al Grande Sacerdote. Il gruppo dovrà così attraversare le dodici case dello zodiaco, arrivando così al santuario di Atena.

Pegasus, Andromeda, Cristal, Sirio e Isabel incontrano il Cavaliere d'oro della prima casa: Mur della costellazione dell'Ariete. L'uomo, tuttavia, non solo si rivela amico del maestro di Sirio, ma dice anche di credere all'identità di Atena. Così passano alla seconda casa, dove incontrano Toro. Quest'ultimo si confronta con Pegasus e i due si fermano soltanto quando il Cavaliere di bronzo gli taglia un corno dell'elmo: in realtà aveva messo soltanto alla prova il giovane e svela ai ragazzi che l'unico modo per sconfiggere i Cavalieri d'oro è quello di risvegliare il settimo senso. Improvvisamente Isabel si sente male: la freccia che l'ha colpita sta assorbendo tutto il suo Cosmo e se non si sconfiggerà la fonte del male, in questo caso il Grande Sacerdote, la ragazza morirà entro poche ore. Mentre Toro e Mur vegliano su di lei, il resto del gruppo avanza, superando la terza casa senza problemi. Il Cavaliere della quarta casa non è premuroso come Toro o Mur: Cancer, infatti, si dimostra spietato e crudele con le sue vittime, ornando la casa con le loro facce. Sirio e Cristal decidono di affrontarlo, facendo proseguire Pegasus e Andromeda. Appena i due amici sferrano l'attacco, vengono teletrasportati in due posti diversi: Sirio si ritrova nell'Ade, dove continua a scontrarsi con Cancer, mentre Cristal è stato teletrasportato dal suo vecchio maestro Aquarius nella casa dell'Aquario, dove però è costretto a combatterlo. Cristal esce vittorioso dal combattimento contro Acquarius, che muore, confessandogli che è un bravo allievo e che il suo compito è quello di proteggere Atena. Tuttavia, quando il ragazzo inizia ad avanzare, sviene per le ferite subite. Pegasus e Andromeda arrivano alla casa del Leone, dove rincontrano Ioria, che sembra non ricordare l'incontro con i quattro cavalieri e Isabel, e iniziano un nuovo scontro con lui. Nell'Ade, intanto, Sirio riesce a smontare l'armatura del Cancro, che era esausta della natura malvagia del suo proprietario. Rimasto senza tutto quel potere che lo faceva sentire onnipotente, Cancer viene sconfitto e rinnegato negli inferi. Sirio ritorna nella casa del Cancro, ma, come Cristal, sviene per le ferite. Pegasus e Andromeda si ritrovano in difficoltà contro Ioria, ma in loro aiuto arriva Il Cavaliere d'oro della costellazione della Vergine Virgo. Quest'ultimo, che crede nella dea Atena, invita i due a continuare la loro ascesa, mentre lui ferma Ioria. Arrivati nella casa della Scorpione, Pegasus e Andromeda vengono attaccati da Scorpio, il Cavaliere d'oro della costellazione dello Scorpione. L'attacco del nemico scaraventa i due Cavalieri di bronzo nella casa del Sagittario, dove vengono attaccati da Capricorn. I due Cavalieri di Atena vengono subito sconfitti dai servitori del Grande Sacerdote; benché intervenga anche Phoenix, il fratello di Andromeda viene sconfitto dal nemico. Isabel, sostenuta da Mur e Toro, scopre i corpi i Cristal e Sirio incoscienti. Nonostante la sua poca energia, Isabel decide di curarli. Scorpio e Capricorn sono pronti per dare il colpo finale a Pegasus, Andromeda e Phoenix, ma scoprono un messaggio segreto lasciato da Micene, in cui dice ai Cavalieri di bronzo di proteggere la reincarnazione della dea Atena. Scorpio e Capricorn sono sbalorditi dal messaggio, ma non credono ancora che Isabel sia Atena. In quel momento arriva anche la ragazza che, sostenuta da Mur, Toro, Sirio e Cristal, riesce a curare gli altri cavalieri di bronzo. Nella casa del Sagittario arrivano anche Ioria e Virgo, che rivelano a tutti i presenti una verità inaspettata: Ioria, dopo il primo incontro con Isabel ha sempre saputo della sua identità, ma, rivelando questa sua affermazione al Grande Sacerdote, quest'ultimo lo corrompe e lo soggioga al suo volere. Di conseguenza, i Cavalieri d'oro capiscono che dietro alla figura del Grande Sacerdote si nasconde qualcun altro, e scoprono che si tratta di Gemini, che credevano morto sedici anni prima durante lo scontro con Micene, ma si è salvato e travestito da Grande Sacerdote; inoltre, rivelano che in quel tempo Micene e Gemini si contendevano la carica di prossimo Grande Sacerdote, ma vinse Micene, e Gemini covò sempre rancore verso il suo compagno.

Gemini, constatato che ora tutti sanno della sua vera identità, decide di attaccarli direttamente e di distruggere il Grande Tempio. Uccide Fish, il dodicesimo e ultimo Cavaliere d'oro della costellazione dei Pesci, e grazie al Cosmo sotratto a Isabel risveglia una creatura di pietra con le sembianze del dio egizio Anubi che incomincia a distruggere il Grande Tempio. Lo stesso Gemini, ora più forte che mai grazie al Cosmo di Atena, partecipa alla distruzione del luogo con un potere al di fuori del normale. La freccia, infatti, serviva soltanto ad aprire un portale per trasferire il Cosmo di Atena a Gemini. Pegasus decide di confrontarsi da solo con Gemini. All'inizio del combattimento il ragazzo si trova in difficoltà, ma riesce a dare filo da torcere al suo avversario risvegliando il settimo senso e facendo affidamento sui suoi amici, riuscendo a respingere l'attacco più forte di Gemini, Esplosione Galattica, contro di lui; nel frattempo, i Cavalieri d'oro sono riusciti a distruggere il mostro di pietra. Tuttavia, Gemini si trasforma in un terrificante mostro colossale di inaudita potenza, creato dal suo Cosmo con i resti della statua. Tutti i Cavalieri si ritrovano impotenti di fronte al nuovo Gemini. Ma in quel momento, lo spirito di Micene arriva in aiuto di Pegasus, facendogli indossare la sua armatura del Sagittario, che soccorre Isabel. I due, unendo il loro Cosmo nella freccia dell'armatura, riescono a sconfiggere una volta per tutte Gemini; più tardi verrà ritrovato in fin di vita da Isabel, pentendosi di tutte le azioni che ha commesso davanti alla dea. Isabel, indossando i vestiti di Atena e protetta dai Cavalieri d'oro, si presenta al suo popolo, inaugurando una nuova era di pace.

Dopo i titoli di coda, Pegasus, Andromeda, Cristal e Sirio festeggiano il sedicesimo compleanno di Isabel.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo annuncio ufficiale del film avvenne nel 2012 sul sito della Toei Animation (precedentemente erano circolate voci su un film live action, mai realizzato) tramite una locandina nel sito del produttore, sotto la dicitura "Nuovo progetto di Masami Kurumada"[2]. L'annuncio effettivo del film avvenne a seguito del lancio del sito internet ufficiale ad ottobre 2013[3], quando furono rivelati titolo e trama, mentre il primo teaser apparve nel dicembre dello stesso anno[4] seguito poi dal primo trailer nel marzo 2014[5].

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione italiana è stata curata da Ivo De Palma, che per i protagonisti ha riproposto le voci della serie animata.

Critica e ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne lanciato in Giappone a giugno, in 145 sale a seguito di una notevole campagna pubblicitaria su riviste e vari media giapponesi, incassando in totale l'equivalente di 2.150.340 $[6].

Anche ad Hong Kong, dove la pellicola venne rilasciata il 7 agosto dello stesso anno, il film non ebbe molto successo, scendendo dalla 10 alla 25 posizione, con una notevole riduzione del numero di sale che passarono in quattro settimane da 18 a 2[7].

Viene poi lanciato in Brasile in ben 355 sale guadagnando $2,439,732 [8] ed in Messico in 298 sale guadagnando $2,313,180 [9]

Merchandising[modifica | modifica wikitesto]

Sul film sono stati prodotti alcuni prodotti di mercandaising, tra cui anche alcuni myth cloth relativi ai personaggi del film.[10]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutte le armature presenti nel film sono state ri-disegnate dall'autore originale Masami Kurumada.[11].
  • La scena della casa del cancro, in cui Cancer canta insieme alle facce, ricorda molto la canzone del Baubau in Nightmare Before Christmas.
  • Quando Gemini si trasforma è simile alla terza trasformazione di Exdeath, antagonista di Final Fantasy V.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lucca 2014: Kaguya-hime, Doraemon 3D e Saint Seiya per Lucky Red sul sito animeclick
  2. ^ Tiger & Bunny's Keiichi Satou Directs Saint Seiya CG Film. URL consultato il 6 aprile 2014.
  3. ^ 2014 Saint Seiya Film's Title, Date, Story Basis Unveiled. URL consultato il 6 aprile 2014.
  4. ^ Roberto Addari, Saint Seiya Legend of Sanctuary: il trailer in HD, su MangaForever, 31 dicembre 2013
  5. ^ Roberto Addari, Saint Seiya Legend of Sanctuary: il secondo trailer, Mur di Ariete e i doppiatori, su MangaForever, 6 marzo 2014. Il film è uscito in Giappone per i festeggiamenti dei 40 anni di carriera dell'autore Masami Kurumada
  6. ^ Seinto Seiya: Legend of Sanctuary - JAPAN Weekend Box Office, Box Office Mojo. URL consultato il 2 novembre 2014.
  7. ^ Seinto Seiya: Legend of Sanctuary - HONG KONG Weekend Box Office, Box Office Mojo. URL consultato il 2 novembre 2014.
  8. ^ http://boxofficemojo.com/movies/intl/?page=&country=BR&wk=2014W39&id=_fSEINTOSEIYALEGEN01.
  9. ^ http://boxofficemojo.com/movies/intl/?page=&country=MX&wk=2014W39&id=_fSEINTOSEIYALEGEN01.
  10. ^ http://www.cdjapan.co.jp/product/NEOGDS-116009
  11. ^ Intervista Sports Hochi - 2014

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]