Sahr-i-Bahlol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 34°11′24″N 71°33′36″E / 34.19°N 71.56°E34.19; 71.56

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Rovine buddiste a Takht-i-Bahi e resti della vicina cittadina di Sahr-i-Bahlol
(EN) Buddhist Ruins of Takht-i-Bahi and Neighbouring City Remains at Sar Bahlol
Tipo Culturali
Criterio (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1980
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Sahr-i-Bahlol (scritto anche Sehri-Bahlol) è un sito storico nelle vicinanze di Takht-i-Bahi, ad una distanza di circa 70 chilometri a nord-ovest di Peshawar, capitale della North West Frontier Province in Pakistan. È stato incluso tra i Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1980.

Contiene resti di un Buddha non ancora completamente scavato. Antichità quali statue, monete, utensili e gioielleria sono molto comuni. Il termine "Sehri-Bahlol" significa, secondo gli abitanti locali, "Signor Bahlol" (personaggio politico e religioso locale) in lingua hindko. In ogni caso il nome non è vecchio quanto il villaggio di Sehri-Bahlol.

Le persone del luogo vivono di agricoltura sfruttando i terreni lussureggianti che circondano la collina su cui sorge il paese. Per arrotondare lo stipendio praticano un'archeologia illegale scavando sotto le proprie case o nei terreni circostanti, e vendendo i reperti recuperati ad antiquari locali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità