Saggio sull'origine delle lingue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saggio sull'origine delle lingue
Titolo originale Essai sur l'origine des langues
Confusion of Tongues.png
Confusione delle lingue, Gustave Doré
Autore Jean-Jacques Rousseau
1ª ed. originale 1781
Genere saggio
Sottogenere saggio di linguistica sull'origine delle lingue
Lingua originale francese

Saggio sull'origine delle lingue, in cui si parla della melodia e dell'imitazione musicale (in francese: Essai sur l'origine des langues, où il est parlé de la mélodie et de l'imitation musicale) è il titolo di un saggio di linguistica che il filosofo ginevrino Jean-Jacques Rousseau compose tra il 1754 e il 1761 e che venne pubblicato postumo nel 1781.[1]

Vi si parla anche di musica, dal momento che Rousseau prende le mosse dall'affermazione della superiorità della melodia sull'armonia per sostenere (in opposizione a Condillac) che è dalle passioni piuttosto che dai bisogni che si sono originate le lingue, e che i movimenti delle passioni possono espressi solo da suoni dal carattere melodico.[1] Il problema dell'origine delle lingue in concomitanza con la formazione delle prime associazioni nella storia dell'uomo era stato posto da Rousseau per la prima volta nel Discorso sull'origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini, di cui il Saggio sull'origine delle lingue costituisce per certi versi un prolungamento, pur con alcune significative differenze.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (FR) Essai sur l'origine des langues in MEMO – Voyagez à travers l'Histoire. URL consultato il 22 maggio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Casini, Introduzione a Rousseau, 3ª ed., Roma-Bari, Laterza [1974], 1986.
  • (EN) Victor Gourevitch, Rousseau: The Discourses and other early political writings, Cambridge University Press, 1997.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]