Safi Faye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Safi Faye (Fad Jal, 1943) è una regista senegalese. È stata la prima donna dell'Africa subsahariana a dirigere e distribuire commercialmente un film.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1966 incontra a Dakar il regista ed etnologo francese Jean Rouch che la incoraggia ad interessarsi di cinema e di culture. Dopo aver lavorato nel suo paese come insegnante, si diploma in etnologia a Parigi dove consegue un dottorato di ricerca nel 1979 per svolgere una tesi sul suo gruppo di appartenenza Serere; contemporaneamente comincia ad interessarsi di cinema e frequenta corsi presso la Louis Lumière Film School. Esordisce come attrice in Petit à petit di Jean Rouch e come regista con alcuni cortometraggi nei primi anni '70 (La passante, 1972 e Revanche, 1973).

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Del 1975 è il suo primo lungometraggio, Kaddu Beykat, film sui rituali e la vita quotidiana delle contadine senegalesi, questo film rappresenta anche la prima opera di regia femminile nella storia del cinema africano. È difficile definire quest'opera come un film vero e proprio, la fiction è evidentemente contaminata dalla ricerca etnografica. In ogni caso, il lavoro viene presentato a festival importanti come il Fespaco (Ouagadougou) e la Faye ottiene successi e riconoscimenti.

Negli anni Ottanta realizza alcuni cortometraggi importanti come Les âmes au soleil (1981) e Racines noires (1985) e il film documentario dedicato a Elsie Haas, pittrice e regista haitiana. Solo nel 1996, ottiene i fondi per realizzare un lungometraggio, Mossane(1996), storia dal triste epilogo di una giovane donna che viene costretta dalla famiglia a sposarsi con un uomo molto più anziano di lei, in cui la regista dimostra una grande capacità di suggestionare il pubblico con un linguaggio poetico molto sottile e raffinato, in cui la musica e il rito si trasformano in segni visivi che tracciano il percorso di lotta e di ribellione della protagonista.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La passante 1972
  • Revanche 1973
  • Kaddu Beykat 1975
  • Fad'Jal 1979
  • Gooh na nu 1979
  • Man sa yay 1980
  • Woman 1980
  • Les ames au soleil 1981
  • Selbe parmi tant d'autres
  • 3ans et 5 mois 1983
  • Ambassades nourricières 1984
  • Racines noires 1985
  • Elsie Haas, femme peintre et cinéaste d'Haiti 1985
  • Tesito 1989
  • Mossane 1996

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7666922