Saeta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cantando una saeta.

Le Saetas sono canti religiosi spagnoli di venerazione. La saeta è generalmente improvvisata e senza accompagnamento, eseguita nelle processioni della Settimana Santa e ha origine nel folclore andaluso. Si tratta di una melodia di esecuzione libera, piena di lirismo, di influenza araba. Attinge allo stile del cante jondo proprio della tradizione musicale del flamenco.

Il testo è composto di vari versi ottonari e ha sempre un significato religioso che allude ai fatti e personaggi della Passione. Si canta in onore delle immagini dei pasos che sfilano per le strade durante la Settimana Santa.

Musica e interpretazione[modifica | modifica sorgente]

La Saeta è un canto religioso spagnolo risalente molti secoli addietro. La Saeta antigua [vecchia Saeta] probabilmente sorse dalla recitazione di salmi sotto l'influenza della musica liturgica.[1] "Le Saetas variano fortemente in forma e stile, classificabili dalle semplici melodie sillabiche alle molto più complesse e ornamentali."[2] Fin dal XIX secolo, comunque, le Saetas più in uso hanno incorporato distinti elementi associati alla musica del Flamenco, particolarmente le siguiriyas.[3] La Saeta è meglio conosciuta per il suo risvolto doloroso e luttuoso durante la Settimana Santa,[4] quando dalla tradizione cattolica il canto è eseguito durante le processioni da religiosi confraternite che vanno per le strade di città e villaggi nel sud della Spagna.[5][6] Possedendo una intensità emozionale nei lamenti, e pregnanza drammatica, la Saeta è cantata dal saetero, spesso da un balcone, e può essere indirizzata alla statua di Gesù sottostante, nella sua agonia lungo la via Via Dolorosa, o a quella della sofferente madre Maria.[7] Queste e altre statue sono montate su piattaforme e portate lungo le strade sulle spalle dai penitenti che passano tra la folla.[8] L'immediata commovente risposta della Saeta, spesso di intensa contrizione, può essere la ragione del suo nome, poiché la parola saeta in spagnolo significa "freccia o freccetta" (o anche "germoglio di vite" o "lancetta di orologio" o "ago magnetico").[9]

Le Saetas sono cantate devozionalmente all'aperto nei giorni di Quaresima, o anche durante il periodo di Natale.[10] Una speciale forma di Saeta (la saeta carcelera) è cantata durante le visite nelle prigioni da parte di alcune confraternite.[11][12] Molte delle città dell'Andalusia hanno un loro peculiare stile di Saeta.[13]

È frequente cantare a cappella. Derivate dal flamenco, le musiche sono le melismas, tercios[14], e altri ornamenti. Essendo una dei cantes a palo seco, il cantore può anche essere accompagnato da tamburi battenti, o da corni.[15] Ogni accompagnamento è in genere in 2/4 o 6/8.[16] Comunemente il saetero canta in chiave minore finendo sulla dominante; la velocità [meter] dei differenti versi sarà spesso variata secondo l'interpretazione.[17] Vengono considerate le origini Arabe ed ebraiche.[18][19]

I Palos del flamenco adottati dalla Saeta includono specialmente le siguiriyas e le martinetes, altri includono la saeta por soleares, por polos, por cañas, e por fandangos.[20] Il cantore Manuel Torre (1878-1933) era rinomato per le sue Saeta.[21]

Di un diverso retaggio, la Saeta è diventata un frutto artistico emozionante di molte culture. I Gitani "si sentono identificati con gli episodi della Passione e considerano Gesù come un fratello caduto in disgrazia che soffre persecuzione e morte."[22] Niente ovviamente può sostituire, per la dedizione e il contegno, il testimone della Saeta.

"La saeta, dunque, costituisce la sintesi antropologica dell'andaluso (profondità, plasticità, signoria, dolore metafisico) incoronata a santità. La saeta esige il massimo di veracità passionale, per il fatto che a nessuno è dato arrampicarsi nell'audacia delle sue ayes[23] senza la potenza e la certezza che offre la possessione eroica del dolore."[24]

Si dice che gli Andalusi devono parlare a Dio durante la Settimana Santa, cantando la Saeta durante la processione della cofradía essendo una modalità di scelta.[25]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ángel Álvarez Caballero a pagg. 126-127.
  2. ^ "Saetas vary greatly in form and style, ranging from simple syllabic melodies to highly ornamented ones." - Willi Apel, Harvard Dictionary of Music (Cambridge: The Belknap Press 1944, 1969) at 748.
  3. ^ Ángel Álvarez Caballero a pagg. 125-129.
  4. ^ La settimana nel calendario della Chiesa dell'Entrata in Gerusalemme, l'Ultima cena, la Crocifissione, e la Resurrezione.
    "Saetas vary greatly in form and style, ranging from simple syllabic melodies to highly ornamented ones." - Willi Apel, Harvard Dictionary of Music (Cambridge: The Belknap Press 1944, 1969) at 748.
  5. ^ Ángel Álvarez Caballero at 127.
  6. ^ Domingo Manfredi Cano at 183-184.
  7. ^ José Carlos de Luna at 51-52.
  8. ^ Timothy Mitchell a pagg. 137-154, 170-180.
  9. ^ Andrés Batista at 16, 72.
  10. ^ Willi Apel, Harvard Dictionary of Music (Cambridge: The Belknap Press 1944, 1969) at 748.
  11. ^ Ángel Álvarez Caballero at 127.
  12. ^ Timothy Mitchell at 76-79.
  13. ^ Julian Pemartin at 138.
  14. ^ Tercio equivale a verso, ovvero, ognuno dei versi di cui si compone la copla del cante flamenco. - Tercio de entrada (verso iniziale), Tercio de remate (verso finale).
  15. ^ Andrés Batista at 16, 72.
  16. ^ La saeta nelle siguiriyas può oscillare tra i 3/4 e i 6/8. Andrés Batista a pagg. 16, 18, 72, 74.
  17. ^ Andrés Batista at 16, 72.
  18. ^ Ángel Álvarez Caballero at 126, quoting Durán Muñoz, Andalucía y su cante (1968).
  19. ^ Félix Grande at I: 161-162, riferito a Kol Nidrei.
  20. ^ Ángel Álvarez Caballero a pag. 129; Citando Hipólito Rossy: "El martinetes ormai non suena a martinetes, ma a saeta."
  21. ^ Ángel Álvarez Caballero at 199-200.
  22. ^ se sienten identificados con los episodios de la Pasión y consideran a Jesús como un hermano en desgracia que sufre persecusión y muerte. - Ángel Álvarez Caballero at 129."
  23. ^ le ayes sono una forma interiettiva, che esprime sfogo o passionalità, come quella dell'olé nella corrida. Oltre alla forma nominale esiste quella verbale del verbo ayear.
  24. ^ La saeta, pues, costituye la síntesis antropológica del andaluz (hondura, plástica, señorío, dolor metafísico) coronada en santidad. La saeta exige un máximo de veracidad pasional, por lo mismo que a nadie le es dado encaramarse en la audacia de sus ayes sin la potencia y la certeza que brinda la posesión heroica del dolor. - Anselmo González Climent a pag. 317.
  25. ^ Domingo Manfredi Cano a pag. 183.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

(ES) *Saeta en Encarta

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ángel Álvarez Caballero, El cante flamenco (Madrid: Alianza Editorial 1994, 1998).
  • Andrés Batista, Maestros y Estilos. Manual Flamenco (Madrid 1985).
  • José Carlos de Luna, De cante grande y cante chico (Madrid: Editorial Escelicer [1926] 3d ed. 1942).
  • Anselmo González Climent, Flamencologia (Madrid: Editorial Escelicer [1955] 1964).
  • Félix Grande, Memoria del Flamenco (Madrid: Espasa-Calpe 1979), 2 volumes.
  • Domingo Manfredi Cano, Geografia del cante jondo (Madrid: Editorial Bullón 1963).
  • Timothy Mitchell, Passional Culture. Emotion, Religion, and Society in Southern Spain (Philadelphia: University of Pennsylvania 1990).
  • Julian Pemartin, El cante flamenco. Guia alfabetica (Madrid: Afrodisio Aguado 1966).

Audio e Video[modifica | modifica sorgente]

  • Maestros de la Saeta. Semana Santa en Sevilla (CD by Planet Records 1993). Evidentemente dal 1930 al 1960s, includendo la famosa Niña de los Peines e Manuel Vallejo.
  • YouTube presenta video di recenti interpretazioni di Saeta, alcune durante la processione della Settimana Santa.

Saeta e altri forme musicali[modifica | modifica sorgente]

  • Joaquín Turina, "Jueves Santo a medianoche (Desfile de una cofradía por una callejuela)" in his Sevilla. Suite pintoresca, Opus 2, no. 2 (Sevilla 1908) [Classical].
  • Miles Davis, "Saeta" in his album Sketches of Spain (Columbia Records: recorded 1959-1960, released 1960), at band 4 (5:06), written by Gil Evans [Jazz].

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]