Sadalsuud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sadalsuud
Aquarius constellation map.svg
Classificazione supergigante gialla
Classe spettrale G0Ib
Distanza dal Sole 610 AL
Costellazione Aquario
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 21h 31m 33,53171s
Declinazione -05° 34′ 16,2320″
Dati fisici
Raggio medio 50[1] R
Massa
6,0–6,5[2] M
Temperatura
superficiale
5700 K[2] (media)
Luminosità
2350[2] L
Dati osservativi
Magnitudine app. +2,90
Magnitudine ass. -3,18
Moto proprio AR: 18.77 mas/anno
Dec: -8.21 mas/anno
Velocità radiale +6,5
Nomenclature alternative
Sadalsuud, Saad el Sund, 22 Aquarii, HR 8232, HD 204867, BD-06°5770, FK5 808, HIP 106278, SAO 145457, GC 30137, ADS 15050, CCDM 21316-0534

Sadalsuud (Beta Aquarii - β Aqr) è la stella più brillante della costellazione dell'Aquario. La sua magnitudine apparente è +2,90 e dista 536 anni-luce dalla Terra[3].

Il nome tradizionale Sadalsuud deriva dall'espressione araba سعد السعود sacd as-sucūd, che significa «fortuna delle fortune».

Osservazione[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe, ma molto in prossimità dell'equatore celeste; ciò comporta che possa essere osservata da tutte le regioni abitate della Terra senza alcuna difficoltà e che sia invisibile soltanto molto oltre il circolo polare artico. Nell'emisfero sud invece appare circumpolare solo nelle aree più interne del continente antartico. La sua magnitudine pari a 2,9 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine agosto e dicembre; da entrambi gli emisferi il periodo di visibilità rimane indicativamente lo stesso, grazie alla posizione della stella non lontana dall'equatore celeste.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Sadalsuud appartiene alla classe spettrale G0Ib ed è un membro della rara classe di stelle note come supergiganti gialle. Ha una massa 6 volte quella solare ed un raggio 50 volte superiore. Con una temperatura superficiale di 5700 K è 2350 volte più luminosa del Sole. Il telescopio spaziale Chandra ha riscontrato, proveniente da questa stella, un'emissione di raggi X piuttosto inusuale; è infatti la prima emissione di raggi X osservata in una supergigante gialla.

Sadalsuud ha due compagne rispettivamente a 37 e 60 secondi d'arco di distanza, di magnitudine 11 e 11,60, che non sembrano legate fisicamente alla supergigante.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sadalsuud (Stars, Jim Kaler)
  2. ^ a b c Smiljanic, R. et al., CNO in evolved intermediate mass stars in Astronomy and Astrophysics, vol. 449, n. 2, aprile 2006), p. 655–671. DOI:10.1051/0004-6361:20054377.
  3. ^ Extended Hipparcos Compilation (XHIP) (Anderson+, 2012)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni