Sacrario militare italiano di El Alamein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 30°54′03.6″N 28°50′12.87″E / 30.901°N 28.836908°E30.901; 28.836908

Sacrario militare italiano di El Alamein
Ingresso del sacrario militare di El Alamein
Ingresso del sacrario militare di El Alamein
Tipo militare
Confessione religiosa cattolica, islamica
Ubicazione
Stato Egitto Egitto
Luogo 120º km della strada litoranea che congiunge Alessandria con Marsa Matruh, a circa 14 km a ovest di El Alamein
Costruzione
Periodo costruzione 1954 - 1958
Ingegnere Paolo Caccia Dominioni
« Fra sabbie non più deserte
sono qui di presidio per l'eternità i ragazzi della
F O L G O R E
fior fiore di un popolo e di un esercito in armi
caduti per un'idea senza rimpianti
onorati dal ricordo dello stesso nemico
essi additano agli italiani nella buona
e nell'avversa fortuna il cammino
dell'onore e della gloria.
Viandante arrestati e riverisci.
Dio degli eserciti accogli gli spiriti di
questi ragazzi in quell'angolo del cielo
che riserbi ai martiri e agli eroi. »
(Parole destinate al cimitero del km 42,

scritte dal tenente colonnello paracadutista Alberto Bechi Luserna (M.O.V.M.))

Il sacrario militare italiano di El Alamein si trova in Egitto, al km 120 della strada litoranea che congiunge Alessandria con Marsa Matruh, a circa 14 km a ovest di El Alamein. Il sacrario fu eretto nell'area occupata dal cimitero italiano ivi esistente dal 1943 dal governo italiano tra il 1954 ed il 1958 a ricordo dei caduti italiani della prima e seconda battaglia di El Alamein del 1942. Il progetto e la realizzazione dell'opera furono affidate a Paolo Caccia Dominioni, che era stato comandante del 31º Battaglione Guastatori del Genio impiegato sul fronte di El Alamein nel 1942 .

Il sacrario è formato da tre blocchi di costruzioni:

  • il sacrario propriamente detto,
  • il complesso di edifici posti lungo la strada litoranea,
  • la base italiana di Quota 33.

Il sacrario è costituito da una torre ottagonale alta circa 30 metri che va leggermente stringendosi verso l'alto. Alla base della torre vi è una galleria semicircolare, illuminata da 5 finestroni che guardano verso il Mediterraneo, al centro della quale si trova l'altare. Ai lati est ed ovest della galleria, sporgenti rispetto alla torre, si trovano due padiglioni all'interno dei quali sono custoditi i resti di circa 5.200 soldati italiani caduti e ritrovati in vari cimiteri nel deserto circostante. In ogni nicchia contenente le spoglie è scritto il nome e grado del caduto, oppure IGNOTO quando sconosciuto. Circa la metà dei loculi recano la scritta IGNOTO. All'interno del sacrario un busto ricorda il colonnello Dominioni, ideatore del progetto.

Gli edifici situati lungo la strada sono costituiti dal porticato d'ingresso al sacrario con la corte d'onore alla cui sinistra si trova il cimitero degli Ascari libici, con le spoglie di 232 caduti e l'annessa moschea. Sulla destra si trovano invece alcuni edifici di servizio, un piccolo museo contenente cimeli bellici ritrovati durante la ricerca delle salme e una sala di proiezione. Dal porticato si accede alla corte d'onore e da qui una strada bianca in leggera salita, contornata da cespugli, conduce alla collinetta della torre del Sacrario. Lungo la strada, sui due lati, dei cippi ricordano le divisioni italiane impegnate nella battaglia.

La base di Quota 33 si trova su una collinetta ad ovest della torre del sacrario, alla distanza di circa 500 metri dalla torre stessa ed era impiegata da Paolo Caccia Dominioni e successivamente da Renato Chiodini come abitazione ed ufficio nel periodo della ricerca e tumulazione delle salme e poi della costruzione degli edifici del sacrario. La costruzione fu eretta nel 1948 (completata nel 1953) sul punto, detto appunto "Quota 33" ove il 10 luglio 1942 fu attaccato e distrutto dagli australiani dell'8ª Armata britannica il 52º Gruppo cannoni da 152/37.

Attualmente il governo egiziano si è impegnato affinché il territorio del sacrario diventi suolo italiano.[1]

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Egitto: Parisi, soddisfazione per donazione terreno del Sacrario militare di El Alamein (PDF), News Sicurezza e Difesa, 09-04-2008. URL consultato il 05-11-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]