Sacello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un sacello cristiano (Castello Roganzuolo)

Il sacello (dal latino sacellum, diminutivo di sacrum, che significa recinto sacro) nel mondo romano era una piccola area recintata e senza copertura, che si trovava attorno all'altare. Era solitamente dedicata a una divinità minore.

Qualche volta, nel sacello sorgevano edicole, fontane, statue e un tavolo per i sacrifici. A Roma, come narrano le fonti, esistevano molti sacelli, dedicati a diverse divinità.

Un esempio di sacello è quello di Miseno (Campi Flegrei, Napoli) destinato al culto dell’imperatore. Al suo mantenimento era preposto il collegium degli Augustales, di cui l’edificio era anche sede. Il sacello fu distrutto, forse da un terremoto, sul finire del II secolo.

Nell'architettura cristiana con il termine sacello si indica una chiesa o una cappella di piccole dimensioni.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]