Sa'd al-Shadhli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Saʿd al-Dīn al-Shādhlī (Basyun, aprile 192210 febbraio 2011) è stato un generale e diplomatico egiziano.

Nato in una cittadina del governatorato di al-Gharbiyya, Saʿd al-Dīn al-Shādhilī (arabo: ﺳﻌﺪ ﺍﻟﺪﻳﻦ الشاذلي‎) è stato un militare di carriera e ha servito in qualità di Capo di Stato Maggiore nel corso della Guerra di Ottobre del 1973 (detta anche di Ramadan o dello Yom Kippur).

A causa delle sue critiche rivolte agli Accordi di Camp David del 1978, fu allontanato dal suo posto di ambasciatore in Portogallo e condannato all'esilio in Algeria. Viene comunemente indicato come l'artefice del vittorioso attacco egiziano al di là del Canale di Suez, che mostrò tutta l'inconsistenza della linea difensiva israeliana Bar-Lev.

Si è spento il 10 febbraio 2011[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Egypt: RIP General Saad El Din El Shazly · Global Voices

Controllo di autorità VIAF: 54198670

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie