SNAV Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: SNAV.

SNAV Sicilia
Snav sicilia 001.jpg
Descrizione generale
British-Merchant-Navy-Ensign.png Civil Ensign of Italy.svg Flag of Portugal.svg
Tipo Traghetto ro-ro passeggeri
Porto di registrazione Hull (Regno Unito) (7 giugno 1973 - 7 marzo 2002)
Napoli (Italia) (7 marzo 2002 - maggio 2006)
Funchal (Portogallo) (maggio 2006 - febbraio 2007)
Napoli (febbraio 2007 - ottobre 2010)[1]
Identificazione Numero IMO: 7333822
Costruttori AG Weser, Werk Seebeck
Cantiere Bremerhaven, Germania Germania Ovest
Varata 13 ottobre 1973
Completata 7 giugno 1974
Entrata in servizio 10 giugno 1974
Nomi precedenti Norland (1974-2002)
Radiata 14 ottobre 2010
Destino finale venduta per la demolizione in India ad ottobre 2010
Caratteristiche generali
Stazza lorda 26.290 (originariamente 12.988) tsl
Portata lorda 5.341[2] (originariamente 4.036) tpl
Lunghezza 173,25 (originariamente 152,77) m
Larghezza 25,2 m
Pescaggio 6,02 (originariamente 5,2) m
Propulsione 2 motori Stork-Werkspoor 16TM410 Diesel, 13.240 kW
Velocità 18 nodi
Capacità di carico 600 auto o 2.180 m.l.carico merci
Passeggeri 1.200

(SV) M/S NORLAND (1974), faktaomfartyg.se. URL consultato il 28 febbraio 2015.

voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

La SNAV Sicilia era una nave traghetto appartenuta con questo nome alla compagnia di navigazione italiana SNAV dal 2002 al 2010. Nel 1982, col nome di Norland, prese parte alla Guerra delle Falkland.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Varato ai cantieri navali AG Weser di Bremerhaven con il nome di Norland, il traghetto entrò in servizio l'anno successivo tra Hull e Rotterdam per la compagnia anglo-olandese North Sea Ferries. Nel 1982 la nave fu requisita dal Ministero della Difesa inglese per trasportare le truppe dell'esercito britannico nella Guerra delle Falkland, insieme ad altre unità civili. La Norland partì il 26 aprile 1982 da Southampton, con a bordo il 2º Battaglione paracadutisti[3]. La nave prese attivamente parte alla battaglia di San Carlos, sbarcando le truppe che trasportava sull'isola e prendendo a bordo l'equipaggio dell'affondata HMS Antelope[4]. La nave fu poi utilizzata in altre occasioni come trasporto truppe e, al termine della guerra, per il trasporto di 500 prigionieri di guerra argentini a Montevideo e, per alcuni mesi, per il trasporto di beni e persone tra l'Isola dell'Ascensione e le Isole Falkland[3][4].

Tornata in Inghilterra a febbraio 1983, rientrò in servizio nell'aprile dello stesso anno. Il 7 giugno 1985, nel tentativo di evitare la collisione con una nave da carico in avaria, la Norland urtò contro un banco di sabbia. Sullo scafo si aprì uno squarcio di circa cinque metri e la nave andò in blackout in seguito all'ingresso d'acqua in sala macchine, ma non ci furono feriti[5][6]. Le riparazioni durarono tre mesi[6].

Nel maggio 1987 fu sottoposta insieme alla gemella Norstar ad un intervento di allungamento, durante il quale alla nave fu aggiunto un troncone di circa venti metri. Riprese a navigare due mesi più tardi, cambiando il porto di approdo in Olanda da Rotterdam a Zeebrugge. Nel 1994 la Norland fu sottoposta a dei lavori di ristrutturazione per essere messa in regola con le nuove normative IMO/SOLAS, subendo una riduzione della capacità di carico. Nel 1996 la compagnia cambiò assetto societario, prendendo il nome di P&O North Sea Ferries, ma questo non ebbe conseguenze immediate sul destino della nave.

Nel marzo 2002 fu venduta, tre mesi dopo la gemella, alla compagnia di navigazione italiana SNAV, che la impiegò per collegare Napoli e Palermo con il nome di SNAV Sicilia. Rimase su questa rotta fino al settembre 2010, quando entrarono in vigore di nuove norme per la sicurezza in imbarcazioni con dei ponti auto; la compagnia non ritenne conveniente l'adeguamento della nave a queste regole e la SNAV Sicilia fu venduta per la demolizione insieme alla gemella.

Navi gemelle[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DA) Norland (1974-2002), IMO 7333822, faergelejet.dk. URL consultato il 7 marzo 2015.
  2. ^ equasis.org
  3. ^ a b (EN) South to the Falklands, poheritage.com. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  4. ^ a b (EN) Hull ferry Norland sailing to scrapheap after 37 years and Falklands role in hulldailymail.co.uk, 15 gennaio 2011. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  5. ^ (EN) List of Ferry Accidents In Past Five Years in apnewsarchive.com, 7 marzo 1987. URL consultato il 28 febbraio 2015.
  6. ^ a b (SV) M/S NORLAND (1974), faktaomfartyg.se. URL consultato il 28 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (SV) Micke Asklander, M/S Norland (1974) in Fakta om Fartyg. URL consultato il 30-10-2010.

Foto nave