SIG-Sauer P220

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SIG-Sauer P220
Una SIG Sauer P220
Una SIG Sauer P220
Tipo Pistola semiautomatica
Origine Svizzera Svizzera
Germania Germania
Impiego
Utilizzatori Esercito Svizzero
U.S Navy SEALs
Produzione
Progettista SIG (Swiss Arms) Sauer
Descrizione
Peso 1130 g
Lunghezza 198 mm
Lunghezza canna 112 mm
Calibro 9 mm
Tipo munizioni 9×19mm Parabellum
.38 Super
.45 ACP
7.65×21mm Parabellum
.22 LR
Azionamento Sistema Browning modificato
Alimentazione Caricatore da 7 colpi
Organi di mira Tacche di mira

Modern Firearms.ru[1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La SIG-Sauer P220 è una pistola semi-automatica prodotta dalla SIG-Sauer.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

L'arma fu avviata allo sviluppo nel 1970 in quanto l'esercito svizzero emanò un bando per la sostituzione della SIG P210 in dotazione ai soldati elvetici.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

La pistola venne realizzata con la possibilità di impiegare munizioni di diverso tipo che andavano dal .22 Ir al .45 Acp. Era dotata di un otturatore spinato al carrello e non era fornita di sicure manuali, in quanto è presente solamente una sicura automatica al percussore, che si disattiva solo nell’ultimo tratto di corsa del grilletto.

Il sistema di chiusura utilizzato è a corto rinculo di canna basato sul tipo Browning modificato. Il vincolo tra canna e otturatore è dato dal profilo squadrato della parte superiore della camera di cartuccia, che contrasta con l’estremità anteriore della finestra di espulsione. Nella parte inferiore della camera di cartuccia è presente uno zoccolo sagomato con piani inclinati che, contrastando con una scanalatura nel fusto, impone alla canna di abbassarsi durante il moto retrogrado dell’otturatore, svincolandosi da quest’ultimo soltanto quando il colpo ha lasciato la volata e le pressioni all’interno della canna sono scese a livelli di sicurezza. Al termine di questa fase, la canna si arresta e l’otturatore prosegue la propria corsa retrograda, estraendo ed espellendo il bossolo ormai vuoto. La distensione della molla di recupero riporta in avanti il carrello, che preleva una cartuccia dal serbatoio e la introduce in camera. Negli ultimi millimetri di corsa, la canna è spinta a risalire, ripristinando il vincolo con l’otturatore.

Il castello è realizzato in acciaio al carbonio e il sistema di ritenzione del caricatore è costituito da una leva a bilanciere nella parte inferiore dell’impugnatura. Il caricatore monofilare può ospitare sette cartucce. Nell'estremità anteriore della guancetta sinistra è posizionata una leva che svolge la funzione di abbatticane. Come organi di mira sono implementate delle tacche di mira nella parte superiore della P220, le quali però possono essere integrate con altri organi di mira supplementari.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

  • P220 Sport: Versione sportiva dotata di contrappesi sulla canna per ridurre il rinculo.

Impiego[modifica | modifica sorgente]

La P220 fu adottata dall'esercito svizzero nel 1975, ma ebbe un notevole successo anche in campo internazionale. In particolare, il governo statunitense ne ordinò 100.000 esemplari per i propri enti di difesa, tra i quali spiccavano i Nevy SEALs. [2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ SIG-Sauer P220 pistol. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  2. ^ Sig Sauer P220-1 Inox calibro .45 Acp. URL consultato il 14 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]