SG-43 Goryunov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
SG-43 Goryunov
Marines egiziani con una SG-43
Marines egiziani con una SG-43
Tipo Mitragliatrice media
Origine URSS URSS
Impiego
Conflitti Seconda guerra mondiale, guerra di Corea
Produzione
Progettista P.M. Goryunov
Data progettazione 1940-1943[1]
Entrata in servizio 1943 (unione sovietica)
Ritiro dal servizio 1968 (unione sovietica)
Varianti SGM, SGMT, SGMB
Descrizione
Peso 13,8 kg
Lunghezza 1150 mm
Lunghezza canna 720 mm
Calibro 7,62 mm
Munizioni 7,62 × 54 mm R
Azionamento A sottrazione di gas
Cadenza di tiro 500–700 colpi/min
Velocità alla volata 800 m/s
Tiro utile 1100 m
Gittata massima 1500 m[2]
Alimentazione Caricatore a nastro da 200 o 250 colpi

[senza fonte]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La SG-43 Goryunov è una mitragliatrice media sovietica.

Camerata in 7,62 × 54 mm R, fu introdotta nel 1943 per sostituire la vecchia PM M1910; poteva essere montata su affusto ruotato, treppiede o su veicoli. Dopo la seconda guerra mondiale fu migliorata e rinominata SGM ("M" per modernizzato), fu sviluppata anche una variante da montare su carri armati, chiamata SGMT. La SG-43/SGM fu abbondantemente esportata, o prodotta in loco, in Cina ed altri paesi. In servizio sovietico, fu sostituita negli anni '60 dalle mitragliatrici RPK e PK, a causa del cambio di rotta nelle scelte tattiche sovietiche verso l'adozione della mitragliatrice ad uso generalizzato.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Советская военная энциклопедия. / ред. Н.В. Огарков. том 2. М., Воениздат, 1976. стр.617
  2. ^ a b Paul M. Edwards, The Korean War, Westport, CT, Greenwood Press, 2006, p. 77, ISBN 0-313-33248-7.
  3. ^ a b Gorjunov SG-43 and SGM (USSR / Russia) world.guns.ru
  4. ^ John Laffin, Arab armies of the Middle East wars, 1948-73, Illustrated, Osprey Publishing, 1982, p. 15, ISBN 0-85045-451-4.
  5. ^ Philip Jowett, Finland at War 1939-45, Illustrated, Osprey Publishing, 2006, p. 50, ISBN 1-84176-969-X.
  6. ^ József Lugosi, Gyalogsági fegyverek 1868–2008 in József Lugosi e György Markó (a cura di), Hazánk dicsőségére: 160 éves a Magyar Honvédség, Budapest, Zrínyi Kiadó, 2008, p. 383, ISBN 978-963-327-461-3.