SDF-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Super Dimensional Fortress 1 abbreviato SDF-1 è un'astronave che compare nell'anime televisivo di fantascienza Macross, realizzato dallo Studio Nue per conto della casa produttrice Tatsunoko nel 1982, e composto da 36 episodi. È un incrociatore della stessa classe dell'SDF-2.

SDF-1 è il nome imposto dai terrestri alla gigantesca e misteriosa astronave che precipita in un atollo dell'Oceano Pacifico nell'anno 1999. In realtà, si tratta di una nave-prototipo ideata da un geniale scienziato alieno, Zhor, morto in battaglia pochi anni prima.

Nei motori a piega dell'SDF-1, Zhor nasconde la matrice di Protocultura che parecchio tempo prima egli stesso aveva sottratto alla Invid Regis: ciò perché, avendo compreso la sete di dominio e potere dei suoi compatrioti, i futuri Signori di Robotech, non vuole che una risorsa tanto vitale ed importante possa cadere in mani sbagliate. Pertanto affida l'astronave ad un gruppo di guerrieri Zentradi a lui fedele, il quale pilota l'astronave in un salto iperspaziale, perdendone però il controllo e schiantandosi sulla Terra. Nell'impatto l'intero equipaggio trova la morte.

Sotto la guida di un'équipe di militari e scienziati, i terrestri ricostruiscono l'SDF-1 e ricavano particolari tecnologici all'avanguardia che permettono loro di realizzare velivoli da combattimento avveniristici come i Valkyrie.

Durante la cerimonia di varo del ricostruito incrociatore, nell'orbita terrestre appare la flotta Zentradi guidata da Breetai: senza comandi umani, l'SDF-1 spara con il cannone principale, distruggendo le avanguardie e dichiarando guerra. Il successivo salto nell'iperspazio porta l'astronave oltre l'orbita di Plutone, insieme ad un paio di portaerei che le vengono agganciate ai lati ed all'isola di Macross, la cui città ed i cui abitanti vengono ospitati all'interno della nave stessa.

Gravemente danneggiato nella grande battaglia contro Dolza, l'SDF-1 viene messo in bacino in un lago artificiale, mentre attorno al suo involucro esterno viene costruito il suo successore-gemello, l'SDF-2. L'attacco suicida di Lord Kyron, che getta la propria astronave a tutta potenza contro l'incrociatore alla fonda decreta la distruzione finale della nave e la morte di quasi tutto il suo equipaggio. I resti della follia di Kyron vengono sotterrati sotto un cumulo di detritri dragati dal lago artificiale stesso; l'operazione viene svolta da un Rick Hunter ignaro che tra quei relitti sia celata la matrice di Protocultura che spingerà i Signori di Robotech e gli Invid ad una disperata corsa per la conquista della Terra.