SAVAK

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Sāzemān-e Eṭṭelāʿāt va Amniyat-e Keshvar
Organizzazione nazionale per la sicurezza e l'informazione
Descrizione generale
Attiva 1957 - 1979
Nazione State flag of Iran 1964-1980.svg Iran
Tipo Servizio segreto
Compiti Polizia segreta
Sicurezza interna
Intelligence
Sede Teheran
Dimensione 60.000 unità
Soprannome SAVAK
Comandanti
Comandanti degni di nota Nasser Moghadam

fonti nel testo

Voci di enti pubblici presenti su Wikipedia

SAVAK (Persiano: ساواک, acronimo di سازمان اطلاعات و امنیت کشور, Sāzemān-e Eṭṭelāʿāt va Amniyat-e Keshvar, "Organizzazione nazionale per la sicurezza e l'informazione") erano i servizi segreti Iraniani che operarono tra il 1957 e il 1979.

Fu la terribile polizia segreta che la dinastia Pahlavi usò per tenere sotto controllo l'Iran, in particolare dopo il governo di Mossadeq che aveva tentato di indebolirne il potere e che era stato deposto da un golpe organizzato dai servizi segreti americani e britannici.

Si dice fosse l'organizzazione più brutale del Medio Oriente, a causa delle sue famigerate camere di tortura in cui gli oppositori politici, in particolare comunisti, venivano sottoposti a ogni tipo di sevizia. Durante gli ultimi quindici anni di governo dello Shah, sotto il comando del colonnello Nematollah Nassiri, arrivò a impiegare circa 60.000 agenti.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcella Emiliani, Marco Ranuzzi de' Bianchi, Erika Atzori, Nel nome di Omar. Rivoluzione, clero e potere in Iran, Bologna, Odoya, 2008 ISBN 978-88-6288-000-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]