SAPEI

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

SAPEI, opera realizzata nella sezione stazioni di conversione da ABB e nella sezione cavi di collegamento dalla società Prysmian[1] per conto di Terna Rete Elettrica Nazionale per sopperire al fabbisogno energetico italiano, è un cavo sottomarino lungo 420 km (435 se si considera anche il tratto terrestre) tra la Sardegna e il Lazio, passando a 1600 metri al di sotto del Mar Tirreno. È di fatto il cavo sottomarino più profondo al mondo[2].

SAPEI è composto da due cavi, della portata complessiva di 1000 Megawatt. La messa in opera del secondo cavo è prevista per la fine del 2010. La stesura dei cavi è stata affidata alla "Giulio Verne", la nave posacavi più grande del mondo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2006 viene avviato il progetto, approvato in tempi record. Partono indagini scientifiche accurate del fondale marino.
  • Nel 2008 oltre la metà del progetto viene completato con la posa in opera del primo cavo sottomarino. Viene inoltre completata l'installazione dei cavi terrestri. Vengono portati a termine con successo i primi test di tensione.
  • Nel 2009 diventano esecutive le stazioni di conversione di Latina e Fiume Santo. Vengono portati a termine i montaggi elettromeccanici delle stazioni di conversione, realizzate da ABB.
  • Nel 2010 viene istituito da TERNA S.p.A. proprietaria del collegamento un nuovo nucleo operativo stazioni (NOS) nella sede di Latina allo scopo di garantire un supporto immediato alla risoluzione di eventuali problemi riguardanti il funzionamento del collegamento.
  • È stato inaugurato giovedì 17 marzo 2011 in occasione del centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia.[3]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Il diametro di ogni cavo è di ben 12 centimetri.
  • I cavi si estendono per la lunghezza record di 420 chilometri, e sono in grado di sostenere 500 kV di tensione per 1000 MW di potenza.
  • La profondità massima di posa in opera del cavo è di 1600 metri.
  • La stazione di Latina si estende in una superficie di 35000 metri quadrati, mentre quella di Fiume Santo per ben 48000 metri quadrati.
  • 750.000.000 di euro investiti nel progetto (di cui più di 400 milioni solo per i due cavi).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ prysmiangroup.com
  2. ^ TERNA - La super linea elettrica SAPEI
  3. ^ SA.PE.I./ L'elettrodotto da record che unisce l'Italia - Affaritaliani.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]