Sönam Choklang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sönam Choklang

Sönam Choklang, noto anche come Chökyi Langpo (Ü-Tsang, 14381505), è stato uno dei principali leader buddhisti in Tibet. Dopo la sua morte è stato riconosciuto come secondo Panchen Lama[1].

Nato in una famiglia povera, era soprannominato Beʼu, vitello, per via della sua carnagione pallida e con questo nome si presentò al Ganden Tripa del Gelug, che allora era probabilmente Lodrö Chökyong. Fu lui a dargli il nome Sönam Chökyi Langpo, "toro sul lato della virtù", e ad ammetterlo alla scuola[1].

Al termine della sua istruzione, tornò nelle sue terre d'origine nell'Ü-Tsang, dove raccolse numerosi discepoli, fondò il piccolo monastero di Üding e commissionò la realizzazione di una grande statua del Buddha[1].

Alla fine della sua vita si ritirò nell'eremitismo[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Willis , op. cit., pp. 186, 1995.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Janice Dean Willis, Enlightened Beings: Life Stories from the Ganden Oral Tradition, Wisdom Publications, 1995, ISBN 08-617-1068-1.
Panchen Lama
Flag of the Tibet Government in Exile Khedrup Je | Sönam Choklang | Ensapa Lobsang Döndrup | Lobsang Chökyi Gyalsten | Lobsang Yeshe | Lobsang Palden Yeshe | Palden Tenpai Nyima | Tenpai Wangchuk | Thubten Chökyi Nyima | Lobsang Trinley Lhündrub Chökyi Gyaltsen | Gedhun Choekyi | Qoigyijabu |