Cattedrale di Lisbona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sé (cattedrale))

Coordinate: 38°42′35.46″N 9°07′58.74″W / 38.70985°N 9.132983°W38.70985; -9.132983

Cattedrale patriarcale di Santa Maria Maggiore
Catedral patriarcal de Santa Maria Maior
La facciata
La facciata
Stato Portogallo Portogallo
Regione Lisbona
Località LSB.png Lisbona
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Patriarcato di Lisbona
Stile architettonico romanico, barocco
Inizio costruzione 1150
Completamento 1755
Sito web Sito ufficiale della Basilica
Interno

La cattedrale patriarcale di Santa Maria Maggiore (in portoghese: Sé de Lisboa o Igreja de Santa Maria Maior) è il principale luogo di culto cattolico della città di Lisbona, chiesa madre dell'omonima arcidiocesi metropolitana.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1150, tre anni dopo aver riconquistato Lisbona sottraendola ai Mori, Alfonso I del Portogallo fece costruire una cattedrale per il nuovo vescovo di Lisbona, il crociato inglese Gilbert di Hastings, sul terreno di una vecchia moschea. è l'abbreviazione di "sede episcopalis", cioè sede vescovile. La cattedrale, distrutta da tre terremoti nel XIV secolo e da quello del 1755, nei secoli subì notevoli trasformazioni e oggi è un insieme di vari stili architettonici.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La facciata principale della cattedrale è in stile romanico. Essa è affiancata da due torri campanarie gemelle con coronamento merlato. Al centro della facciata, si trova il portale, con profonda strombatura, sormontato dal grande rosone circolare.

L'interno della cattedrale è a croce latina, con tre navate e profonda abside con deambulatorio e cappelle radiali. Delle decorazioni in stile barocco volute da João V nella prima metà del XVIII secolo non rimangono che quelle dell'abside, essendo state rimosse quelle delle navate e dei transetti.

La cappella dei santi Cosma e Damiano ospita sarcofagi del XIV secolo di Lopo Fernandes Pacheco, compagno d'armi del re Alfonso I, e della seconda moglie, Maria de Villalobos. Sulle tombe sono scolpite le figure del nobile con la barba e la spada in mano e della moglie che stringe un libro di preghiere, con i cani seduti ai piedi. Nella cappella adiacente troviamo le tombe di Alfonso IV e della moglie Dona Beatriz.

Organi a canne[modifica | modifica wikitesto]

La cattedrale possiede due organi a canne. Il più antico, costruito nel 1788 dall'organaro Joaquim António Fontanes Peres, è situato sulla cantoria lungo la parete sinistra dell'abside ed attualmente (2012) non è funzionante.

Di fronte a questo, a pavimento, si trova un secondo organo a canne, costruito dalla ditta organaria neerlandese Flentrop Orgelbouw nel 1964. Lo strumento, tuttora funzionante e regolarmente utilizzato sia per accompagnare le liturgie, sia per concerti, ha quattro tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera dritta di 30 note. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Positivo
Quintatão 8'
Tapado 8'
Flautado 4'
Flauta de Chaminé 4'
Oitava 2'
Décima novena 1.1/3'
Címbala III-IV
Sexquiáltera II
Fagote 8'
Trémolo
Seconda tastiera - Principal
Quintatão 16'
Flautado 8'
Flauta de Chaminé 8'
Oitava Real 4'
Tapadinho 4'
Quinzena 2'
Dozena 2.2/3'
Décima Sétima 1.3/5'
Cheio IV
Címbala III
Corneta Real V
Trombeta horizontal 8'
Trompa Maior 16'
Clarim de Batalha 8'
Terza tastiera - Expressivo
Salicional 8'
Flauta Travessa 8'
Flautado 4'
Flauta Cónica 4'
Flauta 2'
Cheio IV
Clarão III
Cromorna 16'
Charamela 8'
Trémolo
Quarta tastiera - Positivo de Frente
Bordão 8'
Flauta de Ponta 4'
Quinzena 2'
Pífaro 2'
Vigésima 2a 1'
Sobrecímbala III
Regal 8'
Tremolo
Trombeta horizontal 8'
Dulçaina 16'
Pedaleira
Flautado Maior 16'
Contrabaixo 16'
Aberto 8'
Tapado 8'
Oitava 4'
Cheio IV
Flauta de Chaminé 5.1/3'
Flautas 15a e 22a 2'
Bombarda 16'
Trombeta 8'
Trombeta horizontal 8'
Baixãozinho 4'
Chirimia 2'

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]