Sèvres - Lecourbe (metropolitana di Parigi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metro-M.svg Sèvres — Lecourbe
Sunny morning, métro Sèvres-Lecourbe, Paris, France.jpg
La banchina al mattino
Stazione della metropolitana di Parigi
Inaugurazione 24 aprile 1906
Stato in uso
Linea Linea 6
Localizzazione Parigi
Mappa di localizzazione: Parigi
Sèvres — Lecourbe
Metropolitane del mondo

Coordinate: 48°50′46″N 2°18′27.45″E / 48.846111°N 2.307625°E48.846111; 2.307625

Sèvres — Lecourbe è una stazione della Metropolitana di Parigi sulla linea 6, sita nel XV arrondissement di Parigi.

La stazione[modifica | modifica sorgente]

Scale di accesso ai marciapiedi

Situazione[modifica | modifica sorgente]

La stazione è realizzata su di un viadotto sul boulevard Garibaldi, ad ovest della place Henri Queuille (incrocio fra rue de Sèvres, rue Lecourbe, avenue de Breteuil e boulevard Pasteur).

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

La stazione è ubicata nei pressi dell'antica barrière de Sèvres che, prima del 1784, portava, a mezzo della rue de Sèvres, ad un quartiere di Parigi in cui erano situati diversi ospedali, tanto che il quartiere era soprannominato Maladrerie.

Il generale Claude Jacques Lecourbe (Ruffey, Jura, 1758 ­ Belfort, 1815) combatté, sotto la Révolution à Fleurus (1794), a Zurigo (1799). Destituito nel 1801, egli viene nominato conte dai Borbone (1814), ma si mette poi al servizio di Napoleone al suo ritorno dall'isola d'Elba. La rue Lecourbe segue il tracciato di una strada romana che portatva da Lutèce (Parigi) a Savara (Sèvres).

Storia[modifica | modifica sorgente]

La stazione venne aperta il 24 aprile 1906 ma fino al 15 ottobre 1907, ebbe il nome di Suffren, mutuato dall'avenue de Suffren. Pierre André de Suffren (1726-1788) fu un militare che diede lustro alla Francia combattendo in India e nelle Americhe contro gli inglesi.

Accessi[modifica | modifica sorgente]

  • ingresso sul terrapieno al 94, boulevard Garibaldi

Interconnessioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]