São José do Rio Pardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
São José do Rio Pardo
comune
São José do Rio Pardo – Stemma São José do Rio Pardo – Bandiera
São José do Rio Pardo – Veduta
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Stato federato Bandeira do estado de São Paulo.svg San Paolo
Mesoregione Campinas
Microregione São João da Boa Vista
Amministrazione
Prefetto João Luís Soares da Cunha
Territorio
Coordinate 21°35′45″S 46°53′20″W / 21.595833°S 46.888889°W-21.595833; -46.888889 (São José do Rio Pardo)Coordinate: 21°35′45″S 46°53′20″W / 21.595833°S 46.888889°W-21.595833; -46.888889 (São José do Rio Pardo)
Altitudine 676 m s.l.m.
Superficie 419,017 km²
Abitanti 53 281 (2009)
Densità 127,16 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC-3
Nome abitanti rio-pardense
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
São José do Rio Pardo
São José do Rio Pardo – Mappa
Sito istituzionale

São José do Rio Pardo è un comune di 53.281 abitanti (2009)[1] dello Stato di San Paolo in Brasile.

Circa l'80% degli abitanti sono oriundi italiani, organizzati in un Circolo Italiano dove la comunità organizza feste, cenacoli e manifestazioni culturali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fondazione: 4 aprile del 1865.

Secondo Rodolfo José Del Guerra, storico e cronista del Paese, nel suo libro São José do Rio Pardo: história que muitos fizeram:

« (…) il 4 aprile 1865 alcuni agricoltori si riunirono, per pianificare la costruzione di una cappella, come apporto propedeutico alla creazione di una futura parrocchia.

Il 30 maggio del 1873, il Vicario dell'Arcidiocesi di San Paolo firmò il documento che autorizza la benedizione e la celebrazione della Santa Messa e altri uffici divini nella cappella di São José do Rio Pardo, dedicata alla Madre dello Spirito Santo del Pesce. La prima messa fu celebrata solo il 19 marzo 1874.

La Cappella di San Giuseppe fu elevata a parrocchia il 14 aprile 1880, con legge n. 70 dell'Assemblea Provinciale. São José do Rio Pardo, staccandosi dal villaggio di Caconde, passando per la Casa Bianca, diventando il parrocchia, confermata dal vescovo di San Paolo, il 1 febbraio del 1881.

Con la legge n. 49 del 20 marzo 1885, la parrocchia divenne una comunità cittadina, vent'anni dopo quel primo incontro dei fondatori. Ma un'altra legge stabilì che, senza la costruzione di una sede comunale e di un carcere, che vennero in seguito elaborate a spese dei loro cittadini, il villaggio non poteva ancora essere distaccato.

Nel 1889, fu l'anno della Festa della Repubblica del Brasile. Un evento politico che si verificò l'11 agosto, quando tre mesi prima della proclamazione, ebbe risonanza, l'inaugurazione nazionale della città di São José do Rio Pardo. L'episodio ebbe il suo preludio a giugno, quando i membri del Sociedade Italiana XX de Setembro (Società italiana del XX settembre), infiltrata dai repubblicani, che dopo una festa per l'insediamento della prima pietra del sedile, scesero in piazza, cantando la La Marsigliese di fronte ai monarchici. Questo scatenò aggressioni, confusione e l'invio delle truppe per sedare la rivolta. La notte del 10 agosto all'Hotel Brasil, il repubblicano Anania Barbosa, fu attaccato dalla polizia dopo un incontro nel quale venne omaggiato il predicatore e leader repubblicano, Francisco Glicério … l'11 agosto 1889, i repubblicani (…) occuparono il Municipio e il carcere in costruzione, issando la bandiera del rivoluzionario Júlio Ribeiro, proclamarono la Repubblica, sotto il suono della proibita Marsigliese»

All'inizio del XX secolo, São José do Rio Pardo subì una grande concentrazione di immigrati, in particolare provenienti dall'Italia.

Euclides da Cunha risiedette a São José do Rio Pardo per due anni, tra il 1898 e il 1901, periodo durante il quale stese il suo capolavoro Brasile ignoto. L'abitazione in cui visse è oggi sede della casa museo a lui dedicata.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Dati ufficiali sulla popolazione 2009 dell'Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica
  2. ^ Casa de Cultura Euclide Da Cunha

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Brasile Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile