Ryszard Kaczorowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ryszard Kaczorowski
Ryszard Kaczorowski 2008.JPG

Presidente della Polonia in esilio
Durata mandato 19 luglio 1989 –
22 dicembre 1990
Primo ministro Edward Szczepanik
Predecessore Kazimierz Sabbat
Successore Lech Wałęsa (in patria)

Dati generali
Partito politico Nessuno

Ryszard Kaczorowski (Białystok, 26 novembre 1919Smolensk, 10 aprile 2010) è stato un politico polacco.

Membro onorario dell'Ordine di San Michele e San Giorgio, tra il 1989 ed il 1990 è stato l'ultimo Presidente del Governo polacco in esilio, succedendo a Kazimierz Sabbat e lasciando l'incarico subito dopo la fine dell'influenza sovietica in Polonia ed il ritorno all'indipendenza del paese, in concomitanza con l'elezione di Lech Wałęsa come primo presidente polacco eletto democraticamente dopo la Seconda guerra mondiale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Wacław Kaczorowski e di Jadwiga Sawicka, studiò presso una scuola di commercio. È stato anche un capo nel gruppo scout locale dell'Associazione scout polacca. In seguito alla Campagna di Polonia ed allo scoppio della Seconda guerra mondiale ripristinò in maniera clandestina il movimento scout (all'epoca abolito dalle autorità sovietiche) sotto il nuovo nome di Szare Szeregi e divenne capo della divisione di Białystok di quest'organizzazione[1]. Nel 1940 venne arrestato dal NKVD e condannato a morte, sentenza poi commutata in 10 anni di campo di concentramento a Kolyma[1].

In seguito all'accordo Sikorski-Mayski del 1941, venne liberato ed inserito nell'esercito del generale Władysław Anders. In seguito si unì alla 3ª Divisione Fucilieri dei Carpazi, combattendo in molte delle principali battaglie del II Corpo d'Armata polacco, compresa la battaglia di Montecassino.[1]. Finita la guerra, si rifugiò nel Regno Unito come esiliato politico, completando gli studi in commercio internazionale. Dal 1955 al 1967 è stato capo scout e presidente dell'organizzazione scout polacca in esilio, presiedendo inoltre il contingente polacco nel Jamboree del 1957, dove si festeggiavano i 50 anni dello scautismo.

Nel 1986 venne nominato Ministro degli Interni del Governo polacco in esilio. Nel gennaio del 1988 l'allora Presidente in esilio in carica Kazimierz Sabbat lo nominò suo successore, in virtù della Costituzione Polacca del 1935. Il 19 luglio 1989, a causa della morte di Sabbat, Kaczorowski diventò automaticamente Presidente. Il 22 dicembre 1990 consegnò le insegne del potere presidenziale della Seconda Repubblica di Polonia a Lech Wałęsa.

Kaczorowski risiedeva a Londra ed ha avuto 2 figlie dalla moglie Karolina: Jadwiga (a sua volta madre di 2 bambini, Zenon e Wanda Szulc) ed Alicja Jankowska (che ha avuto 3 bambini, Ryszard, Marcin and Krystyna Jankowska). Ritornava molto spesso in Polonia e, in qualità di ex Presidente polacco, gli spettavano di diritto una pensione presidenziale e la protezione dei servizi segreti polacchi (il Biuro Ochrony Rządu). Era presidente onorario di numerose organizzazioni storiche e sociali e cittadino onorario di almeno 30 città polacche, tra cui Varsavia, Danzica, Gdynia, Kielce, Cracovia, Opole, Zielona Góra e Białystok.

Il 9 novembre, 2004 fu nominato Cavaliere onorario di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio dalla regina Elisabetta II per "il suo eccezionale contributo alla comunità di emigrati polacchi e ai loro discendenti residenti nel Regno Unito"[2].

Camera ardente con le insegne degli ordini cavallereschi che ricevette in vita

Era tra le persone che il 10 aprile 2010 si stavano recando alla commemorazione del massacro di Katyń a bordo[3] del Tupolev Tu-154, che trasportava il Presidente della Polonia Lech Kaczyński, insieme alla moglie Maria e altre persone, tra cui moltissimi importanti esponenti della vita politica, economica e militare polacca. L'aereo si è schiantato in fase di atterraggio presso la base aerea di Smolensk, in Russia, uccidendo tutti i 96 passeggeri.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
— 19 luglio 1989
Gran Croce dell'Ordine della Polonia restituta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Polonia restituta
— 2010, postumo
Croce Commemorativa di Montecassino - nastrino per uniforme ordinaria Croce Commemorativa di Montecassino
Croce dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Croce dell'Esercito
Medaglia Pro Memoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Pro Memoria
Croce dei Prigionieri Politici - nastrino per uniforme ordinaria Croce dei Prigionieri Politici

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito)
— 9 novembre 2004
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Piano (Santa Sede)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (PL) Matylda Młocka: Prezydent z przedwojennego dworu - Rzeczpospolita, 26 November 2009.
  2. ^ (EN) Honorary GCMG award
  3. ^ (PL) Prezydenckim Tu-154 leciały najważniejsze osoby w państwie

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Polonia in esilio Successore Flag of Poland.svg
Kazimierz Sabbat 19 luglio 1989 - 22 dicembre 1990 carica cessata

Controllo di autorità VIAF: 66726142 LCCN: no2002101344