Ryō

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Un ryo di 10-15 cm

Il ryō (?) era un pezzo d'oro utilizzato in Giappone prima della restaurazione Meiji. Valeva circa sessanta monme di argento oppure quattro kan (4 000 monete) di rame. È stato oggi rimpiazzato dallo yen.

Il ryō era in origine un'unità di misura di peso proveniente dalla Cina, il tael. Fu usato in Giappone durante il periodo Kamakura. Durante il periodo Azuchi-Momoyama è diventato uguale in tutto il Giappone, circa 4,4 monme (circa 16,5 grammi). Il Keichō koban, un pezzo d'oro, conteneva circa un ryō d'oro, così il koban diventò una valuta e fu chiamata un ryō. Comunque, i successivi conii di koban variavano di frequente le quantità di oro. Così, il ryō come unità di peso d'oro e il ryō come valuta del koban non erano più sinonimi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Lucassen, Jan. Wages and Currency: Global Comparisons from Antiquity to the Twentieth Century. Peter Lang (2007), ISBN 3039107828
  • Ohnuki, Mari, "The Genroku, Hoei, Shotoku, Kyoho, and Gembun Koban", Short Essays on Monetary History Contained in Monetary and Economic Studies, Research Division 3, Institute for Monetary and Economic Studies, Bank of Japan (ed.), Monetary and Economic Studies, 15.2 (1997).
  • Honjo, Eijiro, "The Economic thought in Tokugawa days", Kyoto University Economic Review, vol. xiii, no. 1 (Kyoto, Oct. 1938), p. 1-22. [Overview of the period 1600 to 1867]