Rutilio Manetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rutilio Manetti

Rutilio Manetti (Siena, 1º gennaio 1571Siena, 22 luglio 1639) è stato un pittore italiano, tra i più prolifici esponenti del Seicento senese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le Nozze di Cana (1620), olio su tela, 219 x 170 cm, collezione privata
Madonna col Bambino con gli infanti san Giovanni Battista e santa Caterina da Siena (1610), olio su tela, 101 x 75 cm, Yale University Art Gallery, New Haven

Fu un allievo di Ventura Salimbeni e Francesco Vanni; fu anche tra i primi artisti a risentire delle novità di Federico Barocci, in particolare per quanto riguarda lo studio degli affetti e la resa aggraziata degli sfumati. Dal 1615 si avvicinò al naturalismo caravaggesco, con cui forse era entrato in contatto durante un viaggio a Roma, realizzando, oltre a soggetti religiosi, tele con temi tipici dei caravaggeschi, come banchetti e concerti (ne è un esempio la tela Musicisti e giocatori di carte 1626 ca.).

Durante il periodo della Reggenza fiorentina (cioè quando, morto Cosimo II nel 1621, il governo era in mano alla vedova Maria Maddalena d'Austria e alla sua suocera Cristina di Lorena), lavorò per la corte medicea. Fu chiamato prima dal Cardinale Carlo de' Medici, fratello di Cosimo II, che aveva commissionato ai migliori artisti fiorentini e senesi un ciclo di tele con temi tratti da Ovidio, Ariosto e Tasso per il suo Casino Mediceo di San Marco a Firenze: per questo ciclo Manetti dipinge Ruggero alla corte di Alcina (Galleria Palatina, 1624). Quasi contemporaneamente (e forse su suggerimento di Carlo stesso che nel 1623 è incaricato dalla Reggente di reperire le tele sul mercato romano) lavorò per Maria Maddalena, per la quale realizzò il dipinto Sofonisba e Massinissa 1623-'24, ora agli Uffizi, destinato alla Sala delle Udienze della Villa di Poggio Imperiale, residenza della Reggente per la quale aveva commissionato quattro dipinti con soggetti femminili, a completamento della decorazione ad affresco fatta da vari pittori fiorentini e dedicata a regine e imperatrici antiche e moderne, importanti per la storia della Cristianità; tutte le tele risultano già collocate nella Sala nel marzo del 1625. Forse sempre su richiesta di Maria Maddalena dipinge Estasi della Maddalena, conservato alla Galleria Palatina, opera emblematica per l'adesione al linguaggio caravaggesco.

Le sue opere principali sono il ciclo di affreschi a San Rocco della Lupa con Storie di San Rocco (1605-1610), Sant'Alessandro liberato dall'angelo (1625), Riposo in Egitto, Allegoria delle Vanità, L'Indemoniata e I tre bevitori.

Sono da segnalare anche una Assunzione della Vergine (1632), nella Abbazia di San Mercuriale a Forlì, e Dante e Virgilio varcano le porte dell'Inferno, olio su tela di poco meno di tre metri per più di due, dipinto conservato nella Pinacoteca Nazionale di Siena.
Sue opere si trovano nel Museo civico e d'arte sacra di Colle Val d'Elsa.

Nella sagrestia della Chiesa di San Giovanni Evangelista (San Giovanni a Cerreto)si conserva una notevole tela datata 1609 d.c, raffigurante la "Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Evangelista e Nicola di Bari", attribuita a Rutilio Manetti.

Suo figlio Domenico Manetti fu un suo seguace.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 42638181 LCCN: n86019132