Ruth Sacks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ruth Sacks (27 settembre 1977) è un'artista sudafricana di base a Parigi. Lavora principalmente con l'installazione e la performance.[1].

Lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Il lavoro di Ruth Sacks si rifà spesso alla finzione e alla storia, come commentario ai differenti contesti in cui lavora. La sua attuale attività è basa su di una meticolosa ricerca; s'interessa del linguaggio e delle sue possibili interpretazione errate. Le installazioni, gli interventi pubblici e i testi che produce dichiarano influenze disparate.[2].

Mostre[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato a diverse mostre a livello internazionale; tra queste .ZA giovane arte dal Sudafrica, Palazzo delle Papesse a Siena (2008), e la 52a Biennale di Venezia, Padiglione Africano (2007). Tra le esibizioni più recenti figurano “Open Studio” presso Galerie Cortex Athletico di Bordeaux, Francia (2007) e “Double-sided Accumulated” presso Extraspazzio (January 2010). Vive attualmente in Belgio, dove fa parte del programma di studio dell'HISK (Higher Institute for Fine Arts).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «Ruth Sacks»
  2. ^ Panoramica sul lavoro di Ruth Sacks

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mecugni, A. 2010. 'Ruth Sacks': Art in America International Review 2010. p. 84
  • Iaceolla, A. 2010. 'Ruth Sacks': Exibart. Year XIX no 64. p. 65
  • Williamson, S. 2009. 'Ruth Sacks': South African Art Now. Collins Design. p. 262-3
  • Arnaudet, D. 2007. 'Open Studio': Art Press. No. 339. p. 87
  • Vincent, C. 2007. 'Ruth Sacks Cortex Athletico': Art South Africa . Vol 6 Issue 2. pp. 90 - 1
  • Vincent, C. 2007. 'Cabinet de lecture': Art 21. Numero 13. p. 42