Russula cyanoxantha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Russula cyanoxantha
Russula cyanoxantha.JPG
Russula cyanoxantha
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae
Genere Russula
Specie R. cyanoxantha
Nomenclatura binomiale
Russula cyanoxantha
(Schaeff.) Fr., 1863
Nomi comuni

Colombina maggiore

Caratteristiche morfologiche
Russula cyanoxantha
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
White spore print icon.png
Sporata bianca
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Russula cyanoxantha (Schaeff.) Fr., Monographia Hymenomycetum Sueciae (Upsaliae) 2(2): 194 (1863).

Russula cyanoxantha 1.JPG

La Russula cyanoxantha è una delle specie più comuni del genere in quanto cresce in abbondanza per un lungo periodo dell'anno in ogni tipo di bosco, è un fungo molto conosciuto e apprezzato dai raccoglitori.
Ha una grossa variabilità di colore, ma la si riconosce facilmente per la "lardosità" delle lamelle, cioè la sensazione di untuosità che trasmettono al tatto e per la scarsa frantumabilità delle stesse allo sfregamento con le dita.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

4-15 cm di diametro, carnoso e duro, poi tenero, globoso, poi convesso, infine spianato, a volte un po' depresso al centro o imbutiforme.

Cuticola
parzialmente separabile (fino a metà), umida, lucida, brillante, poi asciutta ma sempre untuosa, rugosa, di rado screpolata (var. cutefracta), iridescente, con aspetto metallico, di colore estremamente variabile, nelle forme più comuni blu violetto, rosa-lilla, con qualche decolorazione giallina, grigio-verde, bruno-oliva.

Margine

sottile, prima involuto, poi ottuso regolare, liscio.

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Fitte, spesse, libere al gambo, di consistenza salda e lardacea al tatto, con scarse lamellule, bianche poi biancastre o leggermente azzurrognole, macchiate di bruno in vecchiaia specie sul filo, elastiche, alla manipolazione si piegano, ma non si frantumano.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

4-10(12) x 1,6-5 cm, carnoso, sodo, pieno, poi spugnoso, cilindrico o ingrossato a metà, asciutto, pruinoso, poi rugoso, bianco o con lievi sfumature violette con macchie brune in vecchiaia.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Spessa, soda, compatta e consistente, poi spugnosa, bianca a volte con macchie brunastre, con sfumature violacee sotto la cuticola, grigiastra all'essiccamento o dopo prolungata esposizione all'aria.

  • Odore: debole, gradevole e fungino.
  • Sapore: molto gradevole, dolce di nocciola.

Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore
bianche in massa, ellittiche, con grosse verruche, 7-10 x 5-6,5 µm.
Cistidi
fusiformi.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Specie simbionte, molto comune, fruttifica isolato o a gruppi, in qualsiasi tipo di bosco (latifoglie o conifere), preferibilmente in terreno calcareo, da maggio fino all'autunno inoltrato.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Ottima, è tra le Russule più apprezzate.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal greco kuanòs = turchino e xanthòs = giallo, per il colore del carpoforo.

Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

  • Colombina maggiore
  • Russula maggiore
  • Moreleto
  • Russula o Rossella viola - Toscana, Aretino
  • Bietta paonazza - Umbria
  • Ruella - Lazio (Ciociaria)

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agaricus cyanoxanthus Schaeff., Fungorum qui in Bavaria et Palatinatu circa Ratisbonam nascuntur 4: 40 (1774)
  • Russula cutifracta Cooke, Handbook of British Fungi: 993 (pl. 1040) (1884)
  • Russula cyanoxantha f. cutefracta (Cooke) Sarnari, Bollettino dell'Associazione Micologica ed Ecologica Romana 10(no. 28): 35 (1993)
  • Russula cyanoxantha f. pallida Singer, Z. Pilzk. 2(1): 4 (1923)
  • Russula cyanoxantha f. peltereaui Singer, Z. Pilzk.: 15 (1925)
  • Russula cyanoxantha var. cutefracta (Cooke) Sarnari, Bollettino dell'Associazione Micologica ed Ecologica Romana 9(no. 27): 38 (1992)

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

  • Russula cyanoxantha var. flavo virdis: si distingue dalla specie tipo per la colorazione giallo-citrino.
  • Russula cyanoxantha var. pelterei: si distingue dalla specie tipo per la colorazione verde-oliva.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Russula cyanoxantha in Index Fungorum, CABI Bioscience.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia