Russkij kur'er

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Русский курьер
Russkiy Kurier
Stato Russia Russia
Lingua russo
Periodicità Quotidiano[1]
Fondazione 2003
Sede Russia Mosca, Russia
Sito web ruscourier.ru
 

Il Russkij kur'er, in russo: Русский курьер?, in italiano Corriere russo, è un quotidiano russo pubblicato a Mosca.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Russkij kur'er deve la sua fondazione alla fuoriuscita di alcuni giornalisti dalla Novye Izvestia quotidiano moscovita d'opposizione al governo.

Il 20 febbraio 2003 Oleg Mitvol, presidente del consiglio d'amministrazione della Novye Izvestia, accusò il direttore generale Igor Golembiovsky di appropriazione indebita dei fondi del giornale e lo licenziò. Le pubblicazioni della Novye Izvestia furono sospese.[2] Secondo Boris Berezovsky, fondatore della Novye Izvestia, la mossa di Mitvol ebbe un movente politico[3][4] visto che il quotidiano si opponeva al presidente Vladimir Putin.

Golembiovsky, ormai senza un impiego, decise di fondare un nuovo quotidiano più piccolo e più cauto chiamato Russkiy Kurier. Al suo progetto si unirono subito diversi ed importanti redattori e giornalisti fuorusciti dalla Novye Izvestia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) scheda da mondotimes.com
  2. ^ Vedi (RU) articolo da lenta.ru
  3. ^ Vedi (RU) articolo di gazeta.ru del 20 febbraio 2003
  4. ^ Vedi (RU) di mn.ru del 22 luglio 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]