Rush in Rio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rush in Rio
Artista Rush
Tipo album Live
Pubblicazione ottobre 2003
Durata 173 min : 53 s
Dischi 3
Tracce 31
Genere Hard rock
Rock progressivo
Etichetta Anthem Records
Atlantic Records
Produttore Alex Lifeson e James "Jimbo" Barton
Registrazione 27 settembre, 19 ottobre, 23 novembre 2002
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Rush - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2004)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
All Music Guide[1] 4.5/5 stelle

Rush in Rio è il quinto album live ufficiale del gruppo musicale rock canadese Rush ed è stato pubblicato il 21 ottobre 2003. Il disco è stato registrato allo stadio Maracanã di Rio de Janeiro durante l'ultima data del Vapor Trails Tour il 23 novembre 2002 di fronte ad un pubblico di oltre 40.000 spettatori[2] e presenta la scaletta completa dello show. Altri due brani, presentati sotto la voce The Board Bootlegs, sono Between Sun & Moon, registrata al Cricket Pavilion, Phoenix, Arizona, il 27 settembre 2002, e Vital Signs, registrata al Colisee, Quebec City, Quebec, il 19 ottobre 2002, e compaiono come bonus tracks. L'album fu certificato disco d'oro dalla RIAA il 10 febbraio 2004. Lo strumentale O Baterista ha guadagnato una nomination al Grammy nella categoria "Best Instrumental".

Rush in Rio è disponibile anche in versione video.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Disco 1[modifica | modifica sorgente]

  1. Tom Sawyer (Lee, Lifeson, Peart, Pye Dubois) – 5:04 (da: Moving Pictures)
  2. Distant Early Warning – 4:50 (da: Grace Under Pressure)
  3. New World Man – 4:04 (da: Signals)
  4. Roll the Bones – 6:15 (da: Roll the Bones)
  5. Earthshine – 5:44 (da: Vapor Trails)
  6. YYZ (Lee, Peart) – 4:56 (da: Moving Pictures)
  7. The Pass – 4:52 (da: Presto)
  8. Bravado – 6:18 (da: Roll the Bones)
  9. The Big Money – 6:03 (da: Power Windows)
  10. The Trees – 5:12 (da: Hemispheres)
  11. Freewill – 5:48 (da: Permanent Waves)
  12. Closer to the Heart (Lee, Lifeson, Peart, Peter Talbot) – 3:04 (da: A Farewell to Kings)
  13. Natural Science – 8:34 (da: Permanent Waves)

Disco 2[modifica | modifica sorgente]

  1. One Little Victory – 5:32 (da: Vapor Trails)
  2. Driven – 5:22 (da: Test for Echo)
  3. Ghost Rider – 5:36 (da: Vapor Trails)
  4. Secret Touch – 7:00 (da: Vapor Trails)
  5. Dreamline – 5:10 (da: Roll the Bones)
  6. Red Sector A – 5:16 (da: Grace Under Pressure)
  7. Leave That Thing Alone (Lee, Lifeson) – 4:59 (da: Counterparts)
  8. O Baterista (Peart) – 8:54
  9. Resist – 4:23 (da: Test for Echo)
  10. 2112 (Overture e The Temple of Syrinx) – 6:52 (da: 2112)

Disco 3[modifica | modifica sorgente]

  1. Limelight – 4:29 (da: Moving Pictures)
  2. La Villa Strangiato – 10:05 (da: Hemispheres)
  3. The Spirit of Radio – 5:28 (da: Permanent Waves)
  4. By-Tor & The Snow Dog – 4:34 (da: Fly by Night)
  5. Cygnus X-1 – 3:12 (da: A Farewell to Kings)
  6. Working Man (Lee, Lifeson) – 5:48 (da: Rush)
  7. Between Sun & Moon (Lee, Lifeson, Peart, Pye Dubois) – 4:51 (da: Counterparts) (Bonus Track)
  8. Vital Signs – 4:58 (da: Moving Pictures) (Bonus Track)

Tutti i brani scritti da Geddy Lee, Alex Lifeson e Neil Peart eccetto dove segnato

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Album - Billboard (Nord America)

Anno Classifica Posizione
2003 The Billboard 200 33

Principali edizioni e formati[modifica | modifica sorgente]

Rush in Rio è stato pubblicato in varie edizioni e formati; queste le principali[3]:

  • 2003, Anthem Records (solo Canada), formato: triplo CD
  • 2003, Atlantic Records, formato: triplo CD

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Resist[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rush | Discography | AllMusic
  2. ^ Jon Collins, Rush, Tsunami Edizioni, 2009, pag 225. ISBN 978-88-96131-03-9
  3. ^ http://www.discogs.com/Rush-Rush-In-Rio/master/33762
  4. ^ Rush - Resist - Encyclopaedia Metallum: The Metal Archives
rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo