Rush Street

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rush Street
Artista Richard Marx
Tipo album Studio
Pubblicazione 28 ottobre 1991
Durata 65 min : 35 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Album-oriented rock
Rock
Rhythm and blues
Etichetta Capitol
Produttore Richard Marx, Fee Waybill
Registrazione A&M Studios, Lion Share Studios, Right Track Studios, Sunset Sound Studios, Frantic Studio, Westlake Studios, Capitol Studios, Bill Champlin Studio, Village Recorders, Elumba Studios, Can-Am Studios, The Entriprise
Formati CD, LP, MC
Certificazioni
Dischi di platino Stati Uniti Stati Uniti (1)[1]
(vendite: 1 000 000+)
Richard Marx - cronologia
Album precedente
(1989)
Album successivo
(1994)
Singoli
  1. Keep Coming Back
    Pubblicato: ottobre 1991
  2. Hazard
    Pubblicato: gennaio 1992
  3. Take This Heart
    Pubblicato: giugno 1992
  4. Chains Around My Heart
    Pubblicato: ottobre 1992
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 3/5 stelle[2]

Rush Street è il terzo album del cantante statunitense Richard Marx. Pubblicato nel tardo 1991, vendette oltre due milioni di copie nei soli Stati Uniti.

Il primo singolo estratto dall'album, Keep Coming Back, fu numero uno nella Hot Adult Contemporary Tracks per quattro settimane consecutive. Si posizionò inoltre alla quinta posizione della classifica di Cash Box, mentre raggiunse la dodicesima posizione della Billboard Hot 100. Il singolo successivo, Hazard, fu anch'esso numero nella Hot Adult Contemporary Tracks, e raggiunse la sesta posizione di Cash Box e la nona della Billboard Hot 100. I due singoli successivi furono Take This Heart e Chains Around My Heart, ed entrambi raggiunsero la top 10 nella Hot Adult Contemporary Tracks. Tutte le quattro hit furono accompagnate da videoclip di successo.

Tra i musicisti di cui si avvalse Richard Marx per registrare il disco ci furono due membri dei Toto, Steve Lukather e Jeff Porcaro, che però suonarono in tracce separate.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Playing with Fire (Richard Marx/Steve Lukather) - 4:29
  2. Love Unemotional (Marx) - 5:06
  3. Keep Coming Back (Marx) - 6:51
  4. Take This Heart (Marx) - 4:10
  5. Hazard (Marx) - 5:17
  6. Hands In Your Pocket (Marx) - 3:54
  7. Calling You (Marx/Bruce Gaitsch) - 4:42
  8. Superstar (Marx) - 4:42
  9. Streets of Pain (Marx/Fee Waybill) - 5:10
  10. I Get No Sleep (Marx) - 3:44
  11. Big Boy Now (Marx/Waybill) - 5:38
  12. Chains Around My Heart (Marx/Waybill) - 5:42
  13. Your World (Marx) - 5:54

Bonus track nell'edizione giapponese
Ride With the Idol - 3:46

Bonus track nell'edizione latino-americana
Regresa A Mi [versione in lingua spagnola di Keep Coming Back] - 5:22

Posizioni in classifica[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1991/1992) Posizione
Australia[3] 11
Germania[4] 33
Giappone[5] 29
Norvegia[6] 12
Nuova Zelanda[7] 31
Paesi Bassi[8] 69
Regno Unito (UK Albums Chart)[9] 7
Stati Uniti (Billboard 200)[10] 35
Svezia[11] 27
Svizzera[12] 17

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Billboard Hot 100 Hot Adult Contemporary Tracks UK Singles Chart Hot R&B
1991 Keep Coming Back 12 1 55 71
1992 Hazard 9 1 3 -
Take This Heart 20 4 13 -
Chains Around My Heart 44 9 29 -

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Cori[modifica | modifica wikitesto]

Tecnici del suono[modifica | modifica wikitesto]

  • Brad Aldridge
  • Bryant Arnett
  • Ray Blair
  • Rick Caughron
  • Lavant Coppock
  • Peter Doell
  • Michael Douglass
  • Bill Drescher
  • Lolly Grodner
  • Mark Hagan
  • Leslie Ann Jones
  • Jesse Kanner
  • Pat MacDougall
  • Tim Nellen
  • Rick Norman
  • Charlie Paakkari
  • Kevin Reeves
  • Mark Stebbeds
  • Randy Wine

Ospiti speciali[modifica | modifica wikitesto]

  • Janet Gardner
  • Billy Joel
  • Tommy Lee
  • Steve Lukather
  • Luther Vandross
  • Fee Waybill

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Richard Marx ha ammesso in un'intervista del 2001 che la traccia Superstar parla di Madonna.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gold and Platinum - Search results, Recording Industry Association of America. URL consultato il 16 settembre 2011.
  2. ^ Allmusic review
  3. ^ australian-charts.com - Discography Richard Marx, Hung Medien. australian-charts.com. URL consultato il 16 settembre 2011.
  4. ^ (DE) charts.de - Album Suche > Richard Marx, Media Control. URL consultato il 16 settembre 2011.
  5. ^ (DE) ORICON STYLE > リチャード・マークスのCDアルバムランキング [Oricon Style: Richard Marx on the Oricon Albums Chart]. URL consultato il 16 settembre 2011.
  6. ^ norwegiancharts.com - Discography Richard Marx, Hung Medien. norwegiancharts.com. URL consultato il 16 settembre 2011.
  7. ^ (DE) dutchcharts.nl - Discografie Richard Marx, Hung Medien. dutchcharts.nl. URL consultato il 16 settembre 2011.
  8. ^ charts.org.nz - Discography Richard Marx, Hung Medien. charts.org.nz. URL consultato il 16 settembre 2011.
  9. ^ UK Charts > Richard Marx, Official Charts Company. URL consultato il 16 settembre 2011.
  10. ^ [[[:Template:BillboardURLbyName]] Richard Marx - Chart History: Billboard 200], Billboard. URL consultato il 16 settembre 2011.
  11. ^ swedishcharts.com - Discography Richard Marx, Hung Medien. swedishcharts.com. URL consultato il 16 settembre 2011.
  12. ^ (DE) Suche nach (Album): Interpret: Richard Marx, Hung Medien. hitparade.ch. URL consultato il 16 settembre 2011.
  13. ^ Ask Richard: August 2001, richardmarxonline.com. URL consultato il 13 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2007).