Ruggero Gabbai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ruggero Gabbai

Ruggero Gabbai (Wilrijk, 6 agosto 1964) è un regista e fotografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ruggero Gabbai nasce a Wilrijk (Belgio), nel 1964 e cresce a Milano. Inizia a fotografare all'età di 13 anni, mentre a 19 frequenta il Rochester Institute of Technology dove si laurea con un B.F.A. in fotografia e un minor in filosofia. Unendo queste sue passioni decide di passare alla regia e si laurea nel 1993 con un M.F.A. in regia cinematografica alla Columbia University di New York; qui studia e collabora con registi come Milos Forman, Paul Schrader, Emir Kusturica e Martin Scorsese. La sua tesi è anche il suo primo documentario; [1] viene trasmesso prime time dalla PBS in America e distribuito in tutto il mondo.

Nello stesso anno, sempre a New York, fonda la società di post-produzione ARC Pictures, casa di post-produzione cine-televisiva. In parallelo continua a fotografare e realizza lavori di moda per Paul Labraque di cui cura l'immagine dell'atelier di Amsterdam avenue. Collabora come fotoreporter per il settimanale sudamericano Cosas per cui fotografa i ritratti di Leo Castelli, Imelda Marcos, Ed Koch, Julio Iglesias ed altri. È anche fotografo di eventi sportivi al Madison Square Garden e al Giants Stadium. Cura inoltre la brochure per la New York University componendo delle particolari panoramiche a 360° della città e la brochure della Columbia University con delle particolari tecniche di manipolazione del negativo.

Nel 1994 torna in Italia e dopo poco tempo realizza il suo documentario MEMORIA con gli storici del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC) Marcello Pezzetti e Liliana Picciotto. Il film è girato ad Auschwitz, viene selezionato al Festival di Berlino nel 1997 ed ottiene numerosi riconoscimenti in tutto il mondo. MEMORIA viene trasmesso in prima serata da Rai 2 ottenendo uno share di quasi 7 milioni di spettatori.

Nel 1997 Gabbai fonda la casa di produzione Forma International S.r.l. con cui ha diretto più di 25 documentari, alcuni dei quali su Varenne, la mattanza dei tonni a Favignana, il documentario su Emma Bonino e quello su Enzo Maiorca. Ha realizzato anche delle monografie sulle maisons Versace e Missoni. Sempre negli stessi anni ha seguito la regia e la produzione di vari programmi televisivi anche con Mike Bongiorno e la Bongiorno Production.

Nel 2009 dirige IO RICORDO, un docu-film sulla memoria delle vittime di mafia. Il film viene prodotto da Gabriele Muccino e la sua casa di produzione Indiana Production. IO RICORDO ha ottenuto l'alto patrocinio del presidente della Repubblica ed è stato trasmesso da Canale 5 e distribuito in home video dalla Medusa film. Il giorno 19 gennaio 2010 Ruggero Gabbai ed una delegazione composta dai produttori della Indiana Production e dalla direzione della Fondazione Progetto Legalità sono stati ricevuti al Quirinale dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per presentare il film IO RICORDO in occasione del 70º anniversario della nascita di Paolo Borsellino.

Nell'ottobre 2010 è stato presentato il suo film: il documentario JACKFLY, tratto da una vicenda realmente accaduta nel mondo della finanza. Nel maggio 2011 Ruggero Gabbai si è presentato nelle liste del Partito Democratico per sostenere Giuliano Pisapia, risultando tra gli eletti nel Consiglio comunale di Milano.

Nel febbraio 2012 è stato eletto Presidente della Commissione Consigliare EXPO 2015[2].

In collaborazione con la Fondazione Progetto Legalità onlus, in memoria di Paolo Borsellino e di tutte le altre vittime della mafia, a maggio del 2012 il film IO RICORDO è diventato un libro, pubblicato da Lupetti Editore, con una prefazione di Ferruccio de Bortoli.

Sempre nel maggio 2012, Gabbai ha partecipato al MIAFair di Milano con una mostra fotografica su Milano e la politica. Nel 2013 ha curato la regia per la Fondazione Mike Bongiorno dello spot pubblicitario per Casa Allegria che ha come testimonial Pippo Baudo.

Nello stesso anno Gabbai ha curato la regia tecnico-artistica dell'inaugurazione del Binario 21 alla Stazione Centrale di Milano, che ha visto la presenza delle massime cariche del Governo. Nel frattempo ha ultimato le riprese del documentario Il viaggio più lungo , sulla deportazione degli ebrei dell'isola di Rodi durante la seconda guerra mondiale. Il film è stato selezionato il 30°esimo festival del cinema di Gerusalemme ed è stato presentato in anteprima il Museum of Jewish Heritage di New York. A Milano ha riscontrato grande successo di pubblico e di critica all'anteprima presso il cinema Orfeo con la presenza di Sami Modiano e un dibattito moderato da Ferruccio de Bortoli. Il Giorno della Memoria 2014 il film è stato trasmesso da Rai Uno, registrando 1.496.000 telespettatori.

Il 27 gennaio 2014, Gabbai è stato insignito del premio Mario Francese per i suoi lavori sul valore della memoria nell’Olocausto e nella lotta a Cosa nostra (“Il viaggio più lungo” e “Io ricordo”).

Il regista è attualmente in produzione con il suo nuovo documentario CityZen sul disagiato quartiere ZEN di Palermo.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • CityZen (2014)
  • Il viaggio più lungo (2013)
  • B&B Italia (2011)
  • JACKFLY (2010)
  • IO RICORDO (2008-2009)
  • Arabi Danzanti (2007)
  • Mediaset - Minotauro: Versace, Missoni, Emma Bonino, Enzo Maiorca, La danza delle cinque, Confronto istintivo e Un aiuto naturale(2006-2002)
  • Gli ebrei di Fossoli (2006)
  • Sarajevo, i figli d’Abramo (2002)
  • Varenne, un’atleta chiamato cavallo (2002)
  • Mediaset - Una penisola di storie: Ajamola ajamola, il rito della mattanza, Una città in Palio, Il Redentore (2001)
  • American dream (2001)
  • Okkio per okkio (2000)
  • Gerusalemme, una promessa di pietra(1999)
  • Viaggio verso casa (1998)
  • Lavori in carne (1998)
  • Cici daci dom, noi zingari d’Italia (1998)
  • Febbre rossa (1997)
  • MEMORIA (1997)
  • The king of crown heights (1994-1993)
  • Free fallin (1992)
  • Vaclav Havel, a day in New York (1990)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • IO RICORDO, parlano i familiari delle vittime di mafia, a cura di: Giada Li Calzi, Ruggero Gabbai, Arianna Pabis, ed. Lupetti, Palermo, 2012.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The King of Crown Heights (1994) - IMDb
  2. ^ Comune di Milano - Expo 2015

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]