Rudolf Dassler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rudolf Dassler (Herzogenaurach, 26 marzo 1896Herzogenaurach, 27 ottobre 1974) è stato un imprenditore tedesco, fondatore della casa d'abbigliamento sportivo Puma e fratello di Adolf Dassler, fondatore dell'Adidas.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il fratello Adolf aveva iniziato a produrre scarpe in maniera artigianale, attività caratteristica della zona, già al suo ritorno dalla prima guerra mondiale. Nel 1924 Rudolf si unì a lui e l'azienda diventò la Gebrüder Dassler.

I fratelli Dassler si iscrissero al partito nazista lo stesso giorno, il 1 maggio 1933, e Rudolf fu tra i primi sostenitori del nazismo nel circondario.[1]

Alla fine della guerra, opposti ormai in un vero e proprio conflitto personale, i due fratelli si divisero.

Inizialmente Rudolf decise di chiamare la propria compagnia Ruda, utilizzando le proprie iniziali. Sotto la sua guida l'azienda, che in seguitò mutò il proprio nome in quello attuale, rimase una piccola compagnia di importanza provinciale; solo con l'avvento alla presidenza del figlio Armin la Puma è diventata un marchio celebre in tutto il mondo.

Rudolf Dassler è deceduto nel 1974 per un cancro ai polmoni. Controllo di autorità VIAF: 72581195 LCCN: nb2007019314

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Smit, 2007, cap.1

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]


biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie