Rudolf A. Haunschmied

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rudolf Anton Haunschmied (Sankt Georgen an der Gusen, 1966) è uno storico austriaco.

Vita e Opere[modifica | modifica wikitesto]

Haunschmied è cresciuto a Sankt Georgen an der Gusen e abita a Traun. Parallelamente agli studi in ingegneria, ha presto iniziato ad occuparsi della storia del Nazionalsocialismo relativamente al Campo di Concentramento di Gusen riuscendo ad interessare e a coinvolgere nelle sue ricerche anche la sua ex insegnante Martha Gammer.[1]

Nel 1986 è stato tra i fondatori dell'Arbeitskreises für Heimat-, Denkmal- und Geschichtspflege St. Georgen (AHDG) e successivamente del Comitato Memoriale di Gusen (Gusen Memorial Committee - GMC), che ad esso fa capo. Nel 1989 su richiesta del Comune di St. Georgen ha pubblicato per la prima volta i risultati delle proprie ricerche sulla storia dei Lager della zona, e ha intrapreso escursioni sulle tracce dell'ex Campo di Concentramento di Gusen I, Gusen II e Gusen III. Ha diretto per molti anni dei circoli di studio e assieme alla sua attività di conferenziere accompagna sui luoghi dei Lager ricercatori, studiosi e parenti di vittime, provenienti da ogni parte del mondo.

Nell'ambito di una piattaforma che riunisce numerose associazioni politiche, nel 1995 ha organizzato fra l'altro assieme a Pierre Serge Choumoff (Amicale de Mauthausen, Parigi) le prime commemorazioni locali e internazionali di Gusen e nel 1997 ha creato il sito internet KZ Mauthausen-Gusen Info-Pages, pensato come forum internazionale di informazione e scambio.[2]

Nel 1996 e 1997 è stato l'iniziatore di due gemellaggi con Empoli (FI) e Sesto San Giovanni (MI) e nel 2000, su invito del ministro austriaco dell'Interno ha partecipato all'Iniziativa di Riforma di Mauthausen, che nel 2004 ha portato all'inaugurazione di un nuovo Centro Visitatori presso il Memoriale di Gusen.[3]

Dal 2005 al 2007 ha contribuito alla realizzazione del progetto artistico Audiopercorso di Gusen, del quale ha fra l'altro assunto anche il patrocinio.[4]

Come autore ha partecipato per decenni a numerose pubblicazioni e documentazioni di altri autori, nonché della radio e della televisione, e da molti anni si adopera per un'adeguata tutela monumentale dei resti architettonici del Campo di Concentramento di Gusen e perché venga reso possibile l'accesso del pubblico ad una parte dell'ex fabbrica aeronautica sotterranea B8 Bergkristall del Lager di KZ Gusen II.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zum Gedenken 1938 bis 1945, in: 300 Jahre erweitertes Marktrecht St. Georgen/Gusen, St. Georgen a.d. Gusen, 1989
  • KZ Mauthausen-Gusen Info-Pages [www.gusen.org], 1997 bis dato
  • Geschichtespaziergänge in St. Georgen und Gusen, Volkshochschule der Arbeiterkammer, St. Georgen an der Gusen 1993-2005
  • Konzentrationslager Gusen, in: Unsere Heimat der Bezirk Perg, Verein zur Herausgabe eines Bezirksheimatbuches, Perg 1995
  • Gusen - Eine Manifestation österreichischen Vergessens?, in: Christoph Mayer, Das unsichtbare Lager - Audioweg Gusen, Berlin 2007
  • Coautore con Alfred Grau: Der Zusammenbruch 1945 wie wir ihn erlebten, in: St. Georgener Heimatblätter (2007)
  • Coautore con Jan-Ruth Mills, Siegi Witzany-Durda: St. Georgen-Gusen-Mauthausen - Concentration Camp Mauthausen Reconsidered, BoD, Norderstedt 2008, ISBN 978-3-8334-7440-8, consultabile attraverso Google-libri St. Georgen-Gusen-Mauthausen St. Georgen-Gusen-Mauthausen
  • Getta la pietra! Il lager di Gusen-Mauthausen, Mimesis Edizioni, Milano 2008
  • Ministero dell'Interno: Zur aktuellen Diskussion um Bergkristall, Dokumentation, Wien 2009
  • NS-Geschichte 1938-1945, In: 400 Jahre Markt St. Georgen an der Gusen, St. Georgen a.d. Gusen, 2011
  • Curatore per Karl Littner: Life Hanging on a Spider Web - From Auschwitz-Zasole to Gusen II, BoD, Norderstedt 2011, ISBN 978-3-8423-9840-5 consultabile attraverso Google-libri Life Hanging on a Spider Web
  • Zur Geschichte des Lagerteiles Gusen im ehemaligen KZ-Doppellager Mauthausen-Gusen, in: Ueberleben durch Kunst - Zwangsarbeit im Konzentrationslager Gusen für das Messerschmittwerk Regensburg, Dr. Peter Morsbach Verlag, Regensburg 2012, ISBN 978-3-937527-52-9
  • Die Bevoelkerung von St. Georgen/Gusen und Langenstein. Umgang mit der Lagergeschichte, Ablehnung und Initiativen zur Bewahrung, In: Gedenkstaetten fuer die Opfer des Nationalsozialismus in Polen und Oesterreich - Bestandsaufnahme und Entwicklungsperspektiven, Peter Lang Edition, Frankfurt am Main 2013, ISBN 978-3-631-62461-6

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]


Links[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Neue Heimat im KZ
  2. ^ www.gusen.org
  3. ^ Gusen Memorial
  4. ^ Audiopercorso di Gusen

Controllo di autorità VIAF: 8611765 LCCN: no2008146634