Ruby Rose Langenheim

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ruby Rose Langenheim (20 marzo 1986) è una conduttrice televisiva australiana.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ruby Rose Langenheim

Ruby Rose Langenheim, conosciuta dal pubblico australiano semplicemente come Ruby Rose, ha intrapreso la strada verso il successo nel 2002 partecipando ad un concorso per modelle, il Girlfriend Model Search, e arrivando in seconda posizione preceduta dalla top model Catherine McNeil[1]. Ha in seguito partecipato a Melbourne ad una competizione per la ricerca di un MTV VJ, alla quale prendono parte oltre duemila concorrenti per conquistare il posto lasciato libero da Lyndsey Rodrigues, trasferitasi negli Stati Uniti per co-condurre TRL da New York City. Grazie a questo concorso, che ha visto la giovane Ruby bere cento bicchierini di birra in cento minuti e baciare estranei in strada, Langenheim approda alla famosa rete musicale che le darà una grande spinta verso la popolarità nella sua Australia[2]. Ruby Rose ha dichiarato sul suo precedente lavoro:

« Quando sei una modella c'è sempre qualcosa di te che vogliono cambiare. Vogliono qualcuno di più magro, qualcuno di più alto, di più bello, invece MTV vuole che tu sia te stesso[2]»
(Ruby Rose Langenheim)

Per l'emittente musicale partecipa a MTV's The Lair e MTV News, dove si occupa principalmente delle interviste ai personaggi musicali del momento.

Nel 2009 affronta un viaggio in Kenya per insegnare la lingua inglese ai bambini del posto, lì sarà costretta al ricovero in ospedale per disidratazione[3]. Nello stesso anno vince un ASTRA Award, assegnato ai personaggi della pay tv australiana, scelta dal pubblico come miglior personaggio femminile dell'anno. A giugno 2009 giunge la notizia di un nuovo accordo tra Langenheim e l'emittente via cavo Foxtel per la conduzione di un nuovo show sul canale tv FOX8[4]. Partecipa nel ruolo di giudice all'episodio Media Virgins della quinta stagione di Australia's Next Top Model e verrà in seguito chiamata per prendere parte alla serata finale nelle vesti di inviata dietro le quinte. Compare nella campagna pubblicitaria di Bonds[5]. Dal 20 luglio 2009 partecipa a The 7PM Project su Network Ten; si tratta del primo lavoro di Ruby Rose sulla tv in chiaro e in prime time[6]. Partecipa come dj ad una raccolta di remix, Neon Essential, della Neon Records[7] e affronta un tour australiano per la promozione dello stesso. A settembre, in occasione degli MTV Video Music Awards, Ruby Rose vola nella Grande Mela per registrare lo speciale Ruby Rocks New York, trasmesso da MTV Australia prima della cerimonia che si tiene annualmente nella metropoli americana[8].

Nel 2010 partecipa nel ruolo di commentatrice ai programmi dell'emittente televisiva Foxtel dedicati alle Olimpiadi invernali di Vancouver. Insieme a lei è presente Michael Bublé[9]. Nello stesso anno comincia a collaborare con il marchio di moda australiano Milk and Honey per il design di una nuova linea di abbigliamento.

Show televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Rete Note
2010 The Ultimate School Musical FOX8 Conduttrice
2010 2010 Winter Games Foxtel Conduttrice
2009 Ruby Rocks New York MTV Australia Conduttrice
2009 The 7PM Project Network Ten Corrispondente
2009 Up Close & Personal MTV Australia Conduttrice
2009 Australia's Next Top Model FOX8 Inviata backstage episodio finale
2009 MTV Australia Music Awards MTV Australia Inviata red carpet
2008-2009 MTV's The Lair MTV Australia Conduttrice
2008-2009 MTV News MTV Australia Corrispondente

Ospite in tv[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Rete Note
2009 20 to 1 Nine Network 3 episodi
2009 Australia's Next Top Model FOX8 Episodio Media Virgins
2009 Talkin' 'Bout Your Generation Network Ten - Episodio 01x01
- Xmas Special
2009 Rove Daily Network Ten
2008 Good News Week Network Ten Episodio 02x06

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Casa discografica Note
2009 Neon Essential Vol.2 Neon Records Disc Jockey

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2010 annuncia il fidanzamento ufficiale con la top model Catherine McNeil[10]. Il 18 marzo 2014 dichiara il suo fidanzamento ufficiale con Phoebe Dahl. http://en.wikipedia.org/wiki/Ruby_Rose


Adolescenza e bullismo[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 20 marzo del 1986 in Australia. Figlia di una ragazza-madre (Katia Langenheim) che sarà costretta ad allevarla da sola, Ruby Rose viaggia molto durante l'infanzia trasferendosi prima in Tasmania e Surfers Paradise, poi a Melbourne dove vive stabilmente fino al suo arrivo ad MTV Australia, che ha sede a Sydney. Durante gli anni adolescenziali è vittima di bullismo. Subisce abusi verbali e fisici dai suoi compagni di scuola che la porteranno al ricovero in ospedale all'età di 16 anni[4][11]. Fa coming out a soli 12 anni e racconta che la madre ha accettato subito il suo orientamento sessuale. In un'intervista dichiara:

« Ho sempre saputo di essere lesbica, anche alla scuola primaria. Sapevo di non essere interessata ai ragazzi, mentre provavo qualcosa per le donne. Quando ho iniziato le superiori e l'ho detto a mia madre, lei ha semplicemente risposto 'Lo so, l'ho sempre saputo'. In realtà prima ho fatto coming out con un paio di amici, poi la notizia si è diffusa e a 15 anni tutti sapevano del mio orientamento sessuale, anche le insegnanti"[12] »

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La madre di Ruby Rose, Katia Langenheim, è un'artista australiana[13].
  • Il bisnonno è Alec Campbell, l'ultimo sopravvissuto della Battaglia di Gallipoli[2].
  • Non ha la patente di guida[14].
  • Ha quindici tatuaggi e un piercing al capezzolo sinistro.
  • Il suo ritratto, dipinto dalla madre, ha partecipato al Premio Archibald[15].
  • Il suo secondo nome, Rose, è un tributo al padrino, Lionel Rose, celebre pugile australiano.
  • Si esibisce come dj nei locali australiani.
  • Prima di arrivare ad MTV Australia lavorava come modella.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Premio/riconoscimento Note
2009 ASTRA Awards Favourite Female Personality[16]
2008 Same Same 25 Most Influential Gay and Lesbian Australians[17]

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]