Ruby Blue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ruby Blue

Artista Róisín Murphy
Tipo album Studio
Pubblicazione 2005
Durata 48 min : 14 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Musica elettronica
Pop
Etichetta Echo Records
Produttore Matthew Herbert e Róisín Murphy
Róisín Murphy - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2007)

Ruby Blue è il primo album da solista di Róisín Murphy, pubblicato nel 2005 in Inghilterra e nel 2006 negli Stati Uniti. Già dall'uscita ha ricevuto critiche molto positive, nonostante questo non ha avuto un grande successo commerciale e di classifiche.
L'album è stato prodotto da Matthew Herbert, che aveva già lavorato con i Moloko. Partendo dalla musica elettronica, per la quale era già conosciuta con i lavori precedentemente fatti con i Moloko, la cantante esplora in questo album il jazz, il pop e il rock

Canzoni[modifica | modifica sorgente]

Tutti testi delle canzoni sono stati scritti da Róisín Murphy e Matthew Herbert.

  1. Leaving the City - 4:49
  2. Sinking Feeling – 3:32
  3. Night of the Dancing Flame – 3:26
  4. Through Time – 5:58
  5. Sow into You – 3:56
  6. Dear Diary – 5:50
  7. If We're in Love – 4:31
  8. Ramalama (Bang Bang) – 3:35
  9. Ruby Blue– 2:48
  10. Off on It – 5:22
  11. Prelude to Love in the Making – 0:53
  12. The Closing of the Doors – 3:29

Singoli estratti[modifica | modifica sorgente]

  1. If We're in Love (2005)
  2. Sow into You (2005)

Colonne sonore[modifica | modifica sorgente]

Molte delle canzoni contenute in questo album sono state usate all'interno della serie televisiva americana Grey's Anatomy. Inoltre, la canzone che dà il titolo all'album è stata usata come sigla della trasmissione televisiva Very Victoria di Victoria Cabello.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La copertina dell'album è un quadro del pittore britannico Simon Henwood, il quale ha realizzato una serie di quadri dedicati a Róisín che sono stati usati anche come copertina per gli EP e i singoli della cantante. Quando i responsabili della ECHO espressero la loro perplessità davanti alla scelta di un dipinto come copertina dell'album, Róisín rispose sarcasticamente "Oh, scusate, devo aver lasciato la copertina buona nel bagagliaio dell'auto".