Rubicon (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rubicon
Rubicon Titoli.JPG
Titolo originale Rubicon
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2010
Formato serie TV
Genere thriller cospirativo
Stagioni 1
Episodi 13
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Ideatore Jason Horwitch
Interpreti e personaggi
Produttore Leslie Jacobowitz e Kerry Orent
Produttore esecutivo Jason Horwitch, Henry Bromell e Josh Maurer
Casa di produzione American Movie Classics
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 13 giugno 2010
Al 17 ottobre 2010
Rete televisiva AMC
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 7 luglio 2012
Al 29 settembre 2012
Rete televisiva Canale 5
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 28 ottobre 2010
Al 9 dicembre 2010
Rete televisiva Joi
« Not every conspiracy is a theory. »
(Tagline)

Rubicon è una serie televisiva statunitense di genere drammatico, andata in onda sul canale televisivo via cavo AMC dal 13 giugno al 17 ottobre 2010. In Italia la serie è stata trasmessa su Joi dal 28 ottobre 2010. Il 12 novembre 2010 la AMC ha deciso per la cancellazione della serie.[1]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il creatore Jason Horwitch concepì la serie basandosi su thriller cospirativi degli anni settanta come Tutti gli uomini del presidente, I tre giorni del Condor e Perché un assassinio, ispirandosi al loro lento ritmo e complessità della trama.[2] Dopo aver sceneggiato e prodotto l'episodio pilota, Horwitch lasciò la serie a causa di "divergenze creative" e Henry Bromell venne quindi promosso a show runner.[3][4] La produzione cominciò a New York il 29 marzo.[3][5]

Il titolo, come dichiarato dal produttore esecutivo Henry Bromell,[6][7] fa riferimento al Rubicone, il fiume che attraversò Giulio Cesare nel 49 a.C. al ritorno dalla Gallia provocando in questo modo l'inizio della guerra civile, e al suo significato nel linguaggio comune di "punto di non ritorno".[8] L'evento storico è stato citato anche all'interno della serie.

Trama[modifica | modifica sorgente]

New York. L'analista in un think tank governativo Will Travers, sconvolto anni prima dalla morte della moglie e della figlia negli attentati dell'11 settembre, scopre, a partire da strane coincidenze contenute in alcuni cruciverba, l'esistenza di una cospirazione ordita da una società segreta, che ha l'obiettivo di manipolare eventi mondiali su larga scala.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

L'episodio pilota è stato trasmesso in anteprima il 13 giugno dopo l'episodio finale della terza stagione di Breaking Bad e il 25 giugno 2010, dopo la première della quarta stagione di Mad Men. È stato poi riproposto il 1º agosto dello stesso anno, seguito dai restanti episodi. La prima e unica stagione si è conclusa il 17 ottobre 2010.

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 13 2010 2010

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Rubicon ha generato inizialmente recensioni positive, totalizzano sul sito web Metacritic un punteggio di 69 su 100 basato su 28 recensioni.[9] La maggior parte dei critici ha acclamato il cast e l'atmosfera della serie, ma molti hanno criticato la mancanza di azione, di humor e di risposte agli enigmi presenti in ogni episodio.[10][11][12] La serie è stata spesso comparata con altri show della AMC, quali Mad Men e Breaking Bad, per via del loro successo e della loro originalità. Ken Tucker di Entertainment Weekly ha dichiarato che "Rubicon può non avere la brillante spavalderia di Mad Man o il confronto diretto di Breaking Bad, ma credo che sia una cosa positiva. In questo modo Rubicon risulta essere una distinta creazione della AMC".[13] Riguardo alla mancanza di azione nello show, Scott D. Pierce di Deseret News ha scritto "che per essere un thriller cospirativo, la serie manca di tensione";[6] mentre Maureen Ryan del Chicago Tribune ha commentato che "la serie è lenta in modo piacevole e ha pochi problemi nel creare una giusta atmosfera", ma che "il ritmo dei primi quattro episodi è tuttavia troppo fiacco".[14] Ad ogni modo, alcuni critici hanno trovato la mancanza di azione una mossa intelligente e creativa. Ken Tucker di Entertainment Weekly ad esempio ha scritto: "Rubicon ha creato un mondo in cui momenti insignificanti possono generare grande suspense. La scoperta dei piccoli tasselli di un enigma, nascosti all'interno di cruciverba, e la sensazione di paranoia del protagonista di essere inseguito portano più peso drammatico di un inseguimento automobilistico o una lotta di arti marziali".[13]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Ken Tucker, "Rubicon"'s cancelled by AMC: Big mistake, AMC!, Entertainment Weekly, 11-11-2010. URL consultato il 12-11-2010.
  2. ^ (EN) David Bianculli, 'Rubicon': Smart Spies Who Connect The Dots, NPR, 27-7-2010. URL consultato il 2-8-2010.
  3. ^ a b (EN) Andreeva Nellie, 'Rubicon' creator departs, THR, 3-2-2010. URL consultato il 26-9-2010.
  4. ^ (EN) Creator Departs AMC's RUBICON, GeekWeek.com, 4-2-2010. URL consultato il 26-9-2010.
  5. ^ (EN) AMC's Rubicon Begins Production March 29th in New York City, 4-2-2010. URL consultato il 26-9-2010.
  6. ^ a b (EN) Scott Pierce, 'Rubicon' will require plenty of patience, Deseret News, 28-7-2010. URL consultato l'11-9-2010.
  7. ^ (EN) 'Rubicon': New series tests limits of audience patience, The Miami Herald, 1-8-2010. URL consultato il 26-9-2010.
  8. ^ (EN) Rubicon debutta questa sera su AMC, 1-8-2010.
  9. ^ (EN) Rubicon Season One, Metacritic. URL consultato il 25-11-2009.
  10. ^ (EN) Brian Lowry, Rubicon Review, Variety, 29-7-2010. URL consultato l'11-9-2010.
  11. ^ (EN) Rubicon Is All Puzzles, No Answers, UGO.com, 23-8-2010. URL consultato l'11-9-2010.
  12. ^ (EN) Walt Belcher, 'Rubicon' is a slow-burning spy thriller, TBO.com, 30-7-2010. URL consultato l'11-9-2010.
  13. ^ a b (EN) Ken Tucker, Rubicon reviewed by Ken Tucker, Entertainment Weekly, 1-8-2010. URL consultato l'11-9-2010.
  14. ^ (EN) Maureen Ryan, 'Rubicon' provides a brooding spy tale for conspiracy fans, Chicago Tribune, 12-8-2010. URL consultato l'11-9-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione