Ruan Lingyu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ruan Lingyu

Ruan Lingyu (Shanghai, 26 aprile 1910Shanghai, 8 marzo 1935) è stata un'attrice cinese, considerata una delle migliori attrici di tutti i tempi di film muti..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1910 da una famiglia operaia; il padre morì quando Ruan era ancora piccola e la madre sostenne la famiglia lavorando come donna di servizio per la casa di Zhang. La ragazza ne sposò il figlio, ma presto i due si separarono. Diventata attrice, interpretò diversi film, ultimo dei quali fu Donne nuove, nel 1935. Nello stesso anno, l'8 marzo, giornata internazionale della donna, si suicidò. Lo scalpore della notizia scosse Shanghai e l’intero mondo del cinema; al suo funerale parteciparono decine di migliaia di persone.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ruan Lingyu recitò ruoli eterogenei, rapportandosi a modelli positivi di femminilità. Dal 1930 al 1935, lavorò per lo studio Lianhua.

Una delle sue parti più celebri è quella della vedova e madre devota di un bambino piccolo in The Goddess (1934): la complessità di questo ruolo transita nell’immagine della diva attraverso la stampa, che rende noto come l’attrice non sia soltanto una star del cinema, bensì anche una donna separata che, da sola, alleva una figlia ed è l’amante di un uomo potente. In Giocattoli l’attrice è sposata e ha anche un ricco amante, che vive in città e vuole portarla a Parigi. I loro sguardi amorosi sono resi attraverso una struttura di campi; in un cinema ancora quasi del tutto muto, il volto espressivo di Ruan registra emozioni intense e fugaci, Ruan attraversa l’intera gamma dalla gioia alla tragedia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ombre Elettriche a cura di Marco Mùller ed Elena Pollacchi
  • www.chinapictorial.com

Controllo di autorità VIAF: 38056662 LCCN: n80019433